Accusato di estorsione, è stato assolto Pantaleone Mancuso

Corte di Appello CatanzaroLa Corte d’Appello di Catanzaro ha assolto perché “il fatto non sussiste” Pantaleone Mancuso, detto “scarpuni”, ritenuto dagli inquirenti uno dei capi dell’omonimo clan di Limbadi e Nicotera, e Raffaele Fiumara, ritenuto a capo dell’omonimo clan di Francavilla Angitola, in provincia di Vibo Valentia.

Erano accusati di minaccia ed estorsione ai danni degli imprenditori ittici e testimoni di giustizia Vincenzo e Giampiero Ceravolo. In primo grado, il Tribunale di Vibo Valentia il 14 ottobre 2015 aveva condannato Pantaleone Mancuso a 4 anni e 6 mesi di reclusione, mentre Fiumara era stato condannato a 4 anni di carcere.

Sia Mancuso che Fiumara erano stati arrestati nell’ottobre 2013 nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Never Ending” condotta dal pm della Dda Simona Rossi e dalla Squadra Mobile di Catanzaro diretta allora da Rodolfo Ruperti.

La Procura generale di Catanzaro aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado, mentre l’avvocato Diego Brancia per Fiumara e l’avvocato Francesco Calabrese per Mancuso avevano chiesto l’assoluzione dei propri assistiti. (Agi)