La ‘ndrangheta gestiva il centro accoglienza migranti. 68 arresti

cara_isola_capo_rizzuto Era il clan Arena di Isola Capo Rizzuto (Crotone) a gestire, secondo la Dda di Catanzaro, il centro di accoglienza per migranti nel crotonese. 68 fermi sono stati eseguiti all’alba da 500 tra poliziotti, carabinieri e finanzieri in Calabria in una maxi operazione, chiamata “Jonny” con cui si è fatta luce sul business dell’accoglienza.

Il capo della Misericordia di Isola Capo Rizzuto, Leonardo Sacco, ed il parroco dello stesso paese, don Edoardo Scordio, sono tra i fermati dell’operazione denominata “Jonny”. La Misericordia gestisce il Centro di accoglienza richiedenti asilo (Cara) di Isola, uno dei più grandi d’Europa, che secondo le indagini sarebbe stato controllato dalla cosca Arena. I due sono accusati di associazione mafiosa, oltre a vari reati finanziari e di diversi casi di malversazione, reati aggravati dalle finalità mafiose. Indagato anche il sindaco di Isola Capo Rizzuto Gianluca Bruno: reato ipotizzato è concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo le indagini, oltre alle tradizionali dinamiche criminali legate alle estorsioni esercitate in maniera capillare sul territorio catanzarese e crotonese, la cosca controllava anche il centro oltre a coltivare ingenti interessi nelle attività legate al gioco ed alle scommesse.

LEGGI L’INCHIESTA
LEGGI I NOMI DEGLI ARRESTATI

La cosca Arena, tramite il governatore della “Fraternita di Misericordia” Leonardo Sacco, era riuscita ad aggiudicarsi gli appalti indetti dalla Prefettura di Crotone per le forniture dei servizi di ristorazione al centro di accoglienza migranti di Isola Capo Rizzuto e di Lampedusa.

Leonardo Sacco don Edoardo Scordio
Leonardo Sacco e don Edoardo Scordio

Appalti che venivano affidati a imprese appositamente costituite dagli Arena e da altre famiglie di ‘ndrangheta per spartirsi i fondi destinati all’accoglienza dei migranti. Dalle indagini sarebbe emersa l’infiltrazione della cosca Arena nel tessuto economico crotonese e, in particolare, il controllo mafioso delle attività imprenditoriali connesse al funzionamento dell’accoglienza al Cara di Isola Capo Rizzuto che andava avanti da più di un decennio.

Gli indagati sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello Stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e altri reati di natura fiscale, tutti aggravati dalla modalità mafiose. Nel corso dell’operazione anche un sequestro beni milionario.

La cosca Arena di Isola Capo Rizzuto, da decenni al centro delle vicende criminali nel crotonese, aveva imposto la propria assillante presenza anche sull’area ionica della provincia di Catanzaro con estorsioni a tappeto ai danni di esercizi commerciali ed imprese anche impegnate nella realizzazione di opere pubbliche.

Nella zona, gli Arena agivano direttamente attraverso i propri affiliati, oppure tramite fiduciari nominati responsabili della conduzione delle attività delittuose o anche attraverso la messa “sotto tutela” di cosche alleate.

Tra il 2015 ed il 2016 infatti, in particolare a Catanzaro, una cellula degli Arena, dipendente dalla cosca madre di Isola Capo Rizzuto ma radicata nel capoluogo, secondo l’accusa, ha perpetrato una serie impressionante di danneggiamenti a fini estorsivi per fissare con decisione la propria influenza sull’area mentre cosche satelliti della famiglia Arena avevano fatto altrettanto nell’area a sud di Catanzaro, ricadente nei comuni di Borgia e Vallefiorita e di rilevante interesse imprenditoriale e turistico.

Agli inizi di marzo 2017, sempre la Dda guidata da Nicola Gratteri, aveva disposto il sequestro di tre società riconducibili a Pasquale Arena, tra cui il parco eolico “Wind farm” di Isola di Capo Rizzuto, considerato fra i più grandi d’Europa per estensione e potenza erogata, per un valore complessivo di 350 milioni di euro.