Tenta il suicidio detenuto calabrese al 41bis

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Il carcere di Tolmezzo
Il carcere di Tolmezzo

TOLMEZZO (UDINE) – Un detenuto di origini calabresi da poco sottoposto al regime penitenziario del 41 bis ha tentato di uccidersi nella sua cella del carcere di Tolmezzo (Udine) ed è stato salvato dall’intervento degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio nel penitenziario.

Lo rende noto il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe). “Negli ultimi 20 anni – sottolinea Donato Capece, segretario generale del sindacato – le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno sventato, nelle carceri del Paese, più di 21mila tentati suicidi e impedito che quasi 168mila atti di autolesionismo potessero avere nefaste conseguenze”.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

“Il dato oggettivo è che la situazione nelle carceri resta allarmante. Altro che emergenza superata!”, dice Capece. “Contiamo ogni giorno gravi eventi critici nelle carceri italiane, episodi che vengono incomprensibilmente sottovalutati dall’Amministrazione Penitenziaria. Ogni 9 giorni un detenuto si uccide in cella mentre ogni 24 ore ci sono in media 23 atti di autolesionismo e 3 suicidi in cella sventati”.

L’ultimo suicidio in ordine è avvenuto nei giorni scorsi nel carcere Regina Coeli a Roma, dove un detenuto bosniaco si è impiccato. Dall’inzio dell’anno sono 11 i suicidi avvenuti nelle carceri italiane.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM