La cosca Alvaro inondava di droga la capitale: 19 arresti


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

polizia guardia di finanzaPersonale della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza hanno eseguito stamane sull’intero territorio nazionale, una misura cautelare personale emessa dal Gip del Tribunale capitolino nei confronti di 19 soggetti ritenuti appartenenti ad un’organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti con base a Roma e ramificazioni all’estero. Ingenti quantitativi di droga importati dall’America Latina.

Coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma – Gruppo investigazione criminalità organizzata – e i poliziotti della sezione antidroga della Squadra mobile della Questura di Roma, unitamente a finanzieri di Malpensa e ad agenti del Commissariato di Fidene Serpentara, hanno condotto indagini, anche attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, all’esito delle quali è stata accertata l’operatività, nella Capitale, di un agguerrito gruppo criminale, responsabile di plurime importazioni di droga, in parte destinate alla ‘ndrangheta e, in particolare, alla cosca “Alvaro” di Sinopoli (Reggio Calabria).

I dettagli dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà in mattinata presso il Nucleo di Polizia Tributaria di Roma alla presenza del Procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, Michele Prestipino Giarritta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER