Pm di Milano chiede “casa lavoro” per Rocco Papalia

Per l'uomo, scarcerato dopo 26 anni, considerato uno dei capi della 'ndrangheta al nord, non basta la libertà vigilata ma deve andare in una struttura assimilabile al carcere


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Rocco Papalia
Rocco Papalia

(ANSA) – MILANO, 28 MAR – Per Rocco Papalia, definito il “padrino” di Buccinasco (Milano), considerato uno dei più importanti capi della ‘ndrangheta al nord e scarcerato nel maggio dello scorso anno dopo 26 anni, non basta la libertà vigilata ma deve essere applicata una misura di sicurezza detentiva: deve andare in una “casa di lavoro”, una delle strutture per “internati” assimilabile al carcere.

Lo ha chiesto al Tribunale di Sorveglianza di Milano il pm Adriana Blasco facendo riferimento nell’istanza, tra le altre cose, agli insulti che il boss avrebbe rivolto una settimana fa ad alcuni giornalisti.

Quel giorno la Giunta comunale di Buccinasco si era riunita nella parte confiscata dalla villetta di Papalia e il boss urlò contro i cronisti “la ‘ndrangheta siete voi”. All’istanza, depositata oggi, il pm ha allegato articoli e video relativi agli insulti, oltre a segnalare che Papalia, che ha la patente revocata, nei giorni scorsi era stato fermato alla guida dell’auto della moglie. I giudici dovranno fissare un’udienza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER