Chievo Crotone 2-1, sconfitta immeritata per i calabresi

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Chievo CrotoneIl Crotone è stato battuto dal Chievo per 2-1 nella terz’ultima partita di campionato di Serie A. Uno scontro diretto che consente alla squadra lombarda di agganciare, con 34 punti, i calabresi e l’Udinese.

Sconfitta immeritata per i rossoblù che partono bene. Nei primi 10 minuti si fanno notare e al 10′ Ceccherini va in gol, ma l’arbitro dopo aver consultato la moviola in campo annulla per una posizione irregolare. Due minuti e il Chievo affonda: Birsa sfrutta un assist di Gobbi e fa gol. Niente da fare per Cordaz. Reazione immediata del Crotone: Stoian scodella una palla pericolosa in area scatenando un batti e ribatti a due passi da Sorrentino ma nessuno riesce a trovare la via del gol.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Nella ripresa, al 50′ Capuano colpisce malissimo un pallone da allontanare e per poco non fa autorete: Cordaz è attento e salva. Al 58′ il Crotone sfiora il pareggio: cross al bacio di Nalini, svetta più in alto di tutti Simy ma prende in pieno il palo.

All’81’ il Chievo raddoppia: rimessa laterale battuta da Gobbi, palla all’ex Nantes Stepinski che con un destro preciso in girata sigla il 2-0. Al terzo minuto di recupero i calabresi accorciano le distanze: cross di Martella, Tumminello col destro riapre la gara, ma è troppo tardi. Bentegodi in festa.

Per il Chievo una vittoria importante ai fini della salvezza, mentre per il Crotone si apre una fase delicata, attesi i prossimi due incontri al cardio con la Lazio, che ambisce a piazzarsi in zona Champions e l’ultima con il Napoli, che però ha scarse possibilità di vincere lo scudetto, ormai ipotecato al 99,9% dalla Juventus. A 33 punti c’è il Cagliari che stasera affronta la Roma. Verona e Benevento sono già retrocesse in B.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM