Facevano spesa invece di lavorare, 20 indagati all’Asp di Serra San Bruno

Ennesimo caso di assenteismo in una struttura sanitaria. Coinvolti dirigenti medici, medici, infermieri, assistenti e collaboratori. L'accusa è di truffa aggravata e falso

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

assenteismo asp serra san bruno Venti persone, tra Dirigenti medici, medici, infermieri, assistenti e collaboratori del distretto Asp di Serra San Bruno sono indagati per assenteismo dalla Procura di Vibo Valentia che ha emesso un avviso di conclusione indagini notificato ai dipendenti pubblici dai carabinieri. L’accusa per loro è di truffa aggravata continuata e false attestazioni o certificazioni di orari lavorativi.

L’indagine è partita nel mese di dicembre 2017, quando sono state riscontrate una serie di condotte presumibilmente illecite poste in essere da un medico impiegato presso il distretto Asp di Serra San Bruno. A seguito di ciò è stata sviluppata l’attività investigativa che ha permesso di acclarare una serie di condotte poste in essere da medici, infermieri, assistenti e collaboratori a vario titolo.

Dalle indagini, svolte anche con telecamere nascoste piazzate all’interno e all’esterno della struttura è stato spesso riscontrato, l’allontanamento volontario da parte degli indagati dal presidio pubblico, a volte allontanatisi durante gli orari del pranzo per recarsi presso supermarket locali oppure a casa o a fare altro. Secondo quanto accertato, gli indagati si assentavano durante l’orario di lavoro senza timbrare il cartellino elettronico in loro possesso.

Così facendo, non interrompendo l’orario di lavoro, facevano risultare comunque svolte, nell’ambito della giornata, le ore lavorative e in taluni casi, addirittura tali condotte venivano compiute durante le ore di straordinario. In un caso è stata registrata un doppia timbratura di due cartellini differenti da parte della stessa persona.

Nelle immagini riprese dai militari si notano più persone che facevano rientro nel presidio con buste della spesa. In un caso una furbetta del cartellino passando davanti al  timbra cartellino invece di strisciare il badge in uscita mima un gesto come per dire “ma cosa vuoi…”, poi esce probabilmente a fare acquisti. Il periodo in esame comprende i mesi da gennaio fino ad inizio maggio 2018.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM