Molestie sessuali a una ragazza, dentro un tossicodipendente


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Stalking atti persecutori molestie sessualiCATANZARO – Avrebbe perseguitato con telefonate a sfondo sessuale una vicina di casa di 20anni che a causa delle molestie era stata costretta a barricarsi in casa.

Un tossicodipendente, con precedenti e agli arresti domiciliari, è stato arrestato a Catanzaro dai carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale del capoluogo.

L’uomo, che aveva il permesso di recarsi al Sert o al Centro di igiene mentale, per poter attivare la scheda sim utilizzata per telefonare alla ragazza era evaso dai domiciliari.

L’arrestato controllava ogni movimento della sua vittima al punto che i genitori della ragazza avevano dovuto spostare i mobili dell’abitazione per impedirgli di osservare la loro vita quotidiana.

Dopo la denuncia da parte della giovane vittima, i carabinieri avevano appurato che lo stalker si era perfino arrampicato su un’impalcatura sistemata per alcuni lavori allo scopo di meglio guardare nella cameretta della ragazza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER