Ricordate le vittime della tragedia del camping Le Giare a Soverato

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il camping Le Giare devastato dalle acque del torrente Beltrano
Il camping Le Giare a Soverato devastato dalle acque del torrente Beltrano (Ansa)

(ANSA) – SOVERATO (CATANZARO), 10 SET – Sono state commemorate le 13 vittime della tragedia del camping Le Giare di Soverato avvenuta il 10 settembre del 2000. Nell’occasione è stata inaugurata una stele, in memoria di Vinicio Caliò, l’unica vittima di cui non è mai stato trovato il corpo.

Alla cerimonia, per ricordare l’esondazione del torrente Beltrame che provocò la morte di tante persone, tra le quali alcuni disabili che partecipavano ad un campo estivo dell’Unitalsi di Catanzaro, assieme ai congiunti delle vittime come Luca Caliò fratello di Vinicio, c’erano, tra gli altri, il sindaco di Soverato Ernesto Alecci, il consigliere regionale Arturo Bova, il consigliere comunale di Catanzaro, Giuseppe Pisano rappresentanti dell’Unitalsi amministratori, cittadini e forze dell’ordine.

Per il sindaco di Catanzaro si è trattato di “una tragedia che ha ferito per sempre la nostra città”. Il presidente della Provincia Enzo Bruno ha detto che ricordare “è un dovere civico e nello stesso tempo un monito”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER