Interdetti un consulente della Regione e una società


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro hanno eseguito, su delega della Procura della Repubblica, due misure interdittive nei confronti di un ingegnere, Antonio Tolomeo, di 40 anni, consulente esterno della Regione Calabria ed incaricato del controllo dei finanziamenti per il settore turistico, e della società “Baia d’Ercole”, proprietaria di un villaggio turistico a Ricadi (Vibo Valentia).

Il provvedimento è stato emesso dal Gip di Catanzaro, Paolo Mariotti, su richiesta della Procura della Repubblica. Si tratta di un ulteriore sviluppo dell’operazione “É dovere” che nell’ottobre del 2018 aveva portato all’arresto di Maria Gabriella Rizzo, ex responsabile della Regione Calabria per la trasparenza e l’anti corruzione, e di Laura Miceli, legale rappresentante della “Baia d’Ercole”.

Secondo l’accusa, Tolomeo avrebbe concorso con la Rizzo nel comunicare a Laura Miceli informazioni su bandi non ancora pubblicati per il finanziamento del settore turistico.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER