Investì pedone a Catanzaro, donna pugliese rintracciata e denunciata

I fatti risalgono alla metà dello scorso novembre. Vittima un cittadino catanzarese. La donna, della provincia di Brindisi, è scappata senza soccorrere l'uomo, ma a distanza di un mese i carabinieri l'hanno individuata


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Carabinieri di CatanzaroUn mese e mezzo addietro aveva investito un pedone a Catanzaro per poi far finta di nulla, senza fermarsi a prestare soccorso, e fuggire via. Protagonista una donna di 28 anni originaria del brindisino, che è stata individuata e denunciata dai carabinieri della stazione di Gagliano con l’accusa di omissione di soccorso e lesioni personali stradali.

I fatti risalgono alla metà dello scorso novembre quando i Carabinieri erano intervenuti a seguito dell’investimento di un cittadino catanzarese. Dell’auto responsabile nessuna traccia. Il conducente si era dileguato senza fermarsi a soccorrere la vittima. Il pedone, a seguito degli accertamenti sanitari, aveva ricevuto diversi giorni di prognosi mentre i militari avevano iniziato immediatamente le indagini.

Gli accertamenti svolti, le testimonianze acquisite e le immagini estrapolate da alcuni impianti di videosorveglianza hanno permesso di individuare dapprima l’autovettura e successivamente di arrivare ad identificare la donna che la guidava (che si trovava quel giorno a Catanzaro per motivi di lavoro).


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER