Lotta al crimine a Cosenza, Spagnuolo fa il punto con l’Arma


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Lotta al crimine a Cosenza, Spagnuolo fa il punto con l'Arma
Un momento dell’incontro tra Mario Spagnuolo e i vertici dei Carabnieri

Il Procuratore della Repubblica di Cosenza, Mario Spagnuolo, si è recato in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Cosenza presso la storica sede della caserma “Paolo Grippo” in Piazza dei Bruzi. Ad accoglierlo ieri sera, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Cosenza, colonnello Fabio Ottaviani e il Comandante della Compagnia di Cosenza, Capitano Jacopo Passaquieti.

Il Procuratore ha tenuto un incontro con i Comandanti di Stazione e dei Reparti investigativi, che hanno fornito un punto di situazione sulle principali problematiche criminali del territorio della Compagnia. Il Procuratore Spagnuolo, nell’evidenziare il fondamentale ruolo dell’Arma quale presidio di legalità, ha inteso sottolineare l’attenzione e la determinazione con la quale la Procura di Cosenza intende affrontare e perseguire ogni manifestazione di illegalità e di attacco ai diritti dei cittadini, dai reati predatori a quelli a danno della salute pubblica e dell’ambiente.

Spagnuolo ha inoltre rimarcato la centraltà dell’attività svolta dalle Stazioni dei Carabinieri, ribadendo come l’Ufficio di Procura intenda sostenere fortemente l’azione dell’Arma sul territorio. L’incontro si è quindi concluso con un’analisi delle attività investigative in corso e delle possibili linee d’azione future.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER