Vecchio bitume depositato vicino il fiume, sequestro e denuncia

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

fresato asfalto rosetoI carabineri forestali di Oriolo hanno posto sotto sequestro un ingente quantitativo di vecchio bitume in località “Marina” nel Comune di Roseto Capo Spulico, in provincia di Cosenza.

Il materiale, anche noto come “fresato d’asfalto”, proviene da lavori di “raschiamento” della sede stradale, operazione propedeutica alle fasi di nuovo asfaltamento. Secondo la normativa, il fresato è considerato un rifiuto speciale. Il vecchio bitume è stato depositato lungo la foce del Torrente Ferro, a circa 100 metri dalla sponda, su suolo demaniale nudo e senza alcuna protezione.

Il quantitativo depositato è di circa  4.000 metri cubi. Dalle indagini dei miitari è emerso che questi rifiuti sono stati ceduti a titolo gratuito da una ditta al Comune di Roseto Capo Spulico i cui lavori di manutenzione e rifacimento manto stradale, per conto dell’Anas, sono stati eseguiti nei mesi scorsi sulla statale 106 Jonica.

A seguito del rinvenimento del materiale e del sequestro dell’area estesa per oltre mille metri quadri al momento si è denunciato per gestione illecita di rifiuti speciali il responsabile dell’area tecnica del Comune di Roseto.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb