Liquami in mare, sequestrato depuratore a Corigliano-Rossano


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
depuratore acque reflue
Archivio

Sequestrato l’impianto di depurazione comunale di Sant’Anna a Corigliano Rossano e la relativa condotta sottomarina di scarico. Nei giorni scorsi i militari della Guardia costiera di Corigliano con i finanzieri della Sezione operativa navale di Corigliano e a tecnici della Regione, dopo segnalazioni di cittadini, hanno indagato per risalire alle cause della colorazione del fondale marino e dello specchio di mare antistante la località Momena.

Grazie all’impiego di mezzi navali e di liquidi traccianti, è stato accertato che la condotta sottomarina convogliante in mare i reflui fognari trattati dal depuratore presentava una falla a 15 metri dalla battigia. Detta situazione, insieme al cattivo funzionamento dell’impianto, avrebbe causato l’intorbidimento dell’acqua e una patina scura sul fondale. Dagli esami dell’Arpacal di Cosenza è emerso un valore di batteri ai limiti della normativa per cui sono stati interessati il Comune, il Ministero della Salute e la Regione.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER