Droga e resistenza, tre arresti e una denuncia a Corigliano Rossano

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Archivio

E’ di tre persone arrestate e una denunciata il bilancio di controlli della Polizia tra Corigliano e Rossano. Gli agenti del locale Commissariato, con l’ausilio di personale del reparto prevenzione crimine Calabria settentrionale e dei cinofili di Vibo, nella frazione Schiavonea, hanno effettuato diverse perquisizioni personali e domiciliari a seguito delle quali un 54enne, A. P., è finito in manette per detenzione di droga ai fini dello spaccio.

Durante la perquisizione domiciliare il cane della Squadra cinofili ha fiutato occultati all’interno del tubo di cartone di un rotolo di Scottex, appeso alla parete della cucina, alcuni involucri termosaldati contenenti cocaina e marjuana, mentre in un’altra stanza sono stati rinvenuti un bilancino di precisione e delle banconote di piccolo taglio verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

Visti gli elementi raccolti e i numerosi precedenti di polizia per reati specifici, A.P. è stato arrestato in flagranza del reato. Il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, ha disposto per l’uomo gli arresti domiciliari in attesa del rito per direttissima.

A Rossano sono state effettuate perquisizioni domiciliari che hanno interessato anche alcuni circoli privati e, durante una di queste è stato trovato stupefacente.

Durante la perquisizione, estesa anche ad altri locali nella disponibilità del titolare del circolo, A. F., di 47anni, gli agenti hanno rinvenuto diverse dosi di cocaina, per un totale di circa 140 grammi e qualche grammo di marjuana. L’uomo è stato tradotto presso il carcere di Castrovillari.

Due persone a bordo di un’autovettura, identificati per B. F., di 26 anni, e M. A., (25), residenti a Rossano, già noti per precedenti di polizia, sono state controllate e trovate in possesso di alcune dosi di cocaina.

I due hanno opposto resistenza ai poliziotti e, vista la volontà di impedire i controlli, B.F. è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio, mentre l’altra persona è stata deferita solo per resistenza.