Cosenza, perquisizioni in Via Popilia: trovate armi e munizioni

A pochi giorni dall'operazione "Testa del Serpente", la Squadra mobile della Polizia perlustra alcune abitazioni e scova nelle cassette della Telecom 5 pistole e cinquanta cartucce.

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Armi e munizioni sono state rinvenute da agenti di Polizia nel corso di alcune perquisizioni effettuate ieri all’ultimo lotto di via Popilia, fortino del clan degli zingari.

Le perquisizioni a pochi giorni dall’operazione “Testa del serpente”, della Dda di Catanzaro, culminata con il fermo di 18 persone ritenute legate ai due maggiori clan di Cosenza, quelli degli “Zingari” e “Lanzino-Ruà”.

Gli agenti della Squadra mobile, hanno trovato le armi custodite in alcune cassette della Telecom poste negli androni dei palazzi. Erano avvolte con carta e nastro adesivo. Si tratta di 5 pistole di varie marche e calibro e una cinquantina di cartucce, alcune delle quali ad alta offensività.

Il materiale rinvenuto è stato sequestrato e sarà oggetto di successivi esami al fine di accertare di chi fossero a disposizione e se siano state utilizzate in eventi criminali.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER