Conferenza di Occhiuto: “A Santelli ho chiesto di accelerare cantieri in città”

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Il Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto ha tenuto ieri mattina a Palazzo dei Bruzi la consueta conferenza stampa di fine anno. Nel corso del tradizionale incontro con i giornalisti Occhiuto ha tracciato un bilancio dell’attività amministrativa dell’anno che sta per finire, ma ha anche parlato di alcune emergenze che hanno riguardato la città, in primis l’emergenza rifiuti, e, naturalmente, anche del Capodanno in Piazza che Cosenza si appresta a vivere domani notte, con il concerto del rapper campano Clementino, in Piazza XV Marzo.

“E’ una conferenza stampa diversa dagli anni precedenti – ha esordito il Sindaco Occhiuto – La situazione del Comune è un po’ cambiata – ha subito aggiunto – a seguito della dichiarazione di dissesto finanziario. Sono stati mesi difficili, legati alla mia condizione di aspirante candidato alla Regione e qualche ripercussione al Comune c’è stata. Ma ora che è stata “scongiurata” questa possibilità, ricominciamo il cammino con serenità”.

Una vera e propria ripartenza quella annunciata dal primo cittadino. “Nel 2011, durante il mio primo mandato, ma anche nel corso del secondo – ha aggiunto Occhiuto – sono state avviate molte opere, alcune per la verità sono state rallentate, ma sono stati aperti molti cantieri. Proseguiremo la pedonalizzazione del primo tratto di Corso Mazzini, ora che le problematiche che erano affiorate sono state superate. Abbiamo appaltato i lavori della navigabilità del fiume, delle piste ciclabili e del Parco del benessere. In questa fase ho chiesto alla candidata alla Presidenza della Regione Calabria per il centrodestra Jole Santelli, nella mia qualità di Sindaco della città di Cosenza, di considerare la necessità di accelerare i cantieri che riguardano la città, così come di voler imprimere una accelerazione alle procedure per il nuovo Ospedale, seguendo quelle che erano le indicazioni che avevamo prospettato”.

“Dal punto di vista organizzativo, – ha detto – mi aspetto per il nuovo anno un ulteriore aiuto dai colleghi assessori”. Occhiuto ha parlato, durante la conferenza, anche della drastica riduzione del personale del Comune di Cosenza per i pensionamenti che si sono nel frattempo succeduti. “Le risorse umane in questa fase – ha detto il Sindaco – sono limitatissime”. Un ringraziamento particolare il primo cittadino lo ha rivolto ai dirigenti “che in questo momento sono veri e propri eroi, perché lavorano senza personale per gli avvenuti pensionamenti dei quadri intermedi e si sobbarcano ad un compito gravoso e importante. Una delle operazioni immediate dovrà essere quella di dotarci delle risorse umane necessarie, utilizzando gli strumenti di cui possiamo disporre, dagli istituti del comando alla mobilità e, in prospettiva, a tutto ciò che potrà essere utile per risolvere questo problema che è il problema principale. Abbiamo fatto i salti mortali per organizzare il Capodanno”.

Passando all’emergenza di queste ultime settimane ha aggiunto: “e’ vero, inutile nasconderlo, che la città ha avuto una sofferenza per i rifiuti, ma la situazione non è ascrivibile in alcun modo all’Amministrazione comunale, ma è dovuta al blocco degli impianti regionali. Il blocco dei conferimenti – ha aggiunto Occhiuto – anche in prospettiva è gravissimo. Stiamo recuperando settimane di mancata raccolta. Se non avessimo avviato la raccolta differenziata, la situazione sarebbe stata più grave. Se i cittadini facessero bene la differenziata, resterebbero pochissimi rifiuti. Siti per le discariche – ha rimarcato il Sindaco – ce ne saranno sempre di meno. La differenziata è l’unica strada percorribile, perché avremo sempre questo problema. Mi dispiace per i cosentini e per chi si è recato in visita in città in questo periodo”.

E sul Capodanno: “è stato organizzato in extremis, pur in presenza delle difficoltà di bilancio, perché siamo stati costretti a rientrare dall’anticipazione della Cassa Depositi e prestiti fino all’approvazione del bilancio riequilibrato. La proposta di Clementino è stata subito ben vista ed accolta positivamente, soprattutto dai giovanissimi. E’ difficile superare questi problemi ogni volta, ma ci mettiamo tanta testardaggine e determinazione. Ogni volta, in questa giungla di problematiche, ci mettiamo la faccia perché amiamo il territorio e la città e superiamo gli ostacoli che si presentano”.

Poi il Sindaco ha risposto alle domande dei giornalisti.

Sulla pianta organica del Comune, sensibilmente ridotta per la mole di pensionamenti, ha risposto che “attualmente i dipendenti comunali sono 450” e che “sono ancora in via di diminuzione”. Bisognerà attivare le procedure necessarie individuando i profili giusti perché – ha ribadito – dietro i dirigenti non ci sono i quadri intermedi”.

A chi ha domandato se intenderà procedere alla nomina di un Vicesindaco ha detto che “per il momento c’è l’Assessore anziano, Matilde Lanzino Spadafora, che mi supporta di fronte ad alcune esigenze. Altre esigenze riguardano più che altro la delega al bilancio e – ha aggiunto – probabilmente dopo le consultazioni regionali, ci sarà una integrazione in giunta. D’altra parte gli assessori sono sempre disponibili a collaborare in ogni forma”.

Con riferimento poi ad una precisa domanda rivoltagli circa la sua appartenenza a Forza Italia, Occhiuto ha subito risposto che “è sempre il partito cui faccio riferimento. D’altra parte in questi giorni mi sono spesso sentito con i quadri nazionali. La situazione è ormai superata. Avevo offerto la mia disponibilità in un quadro complessivo. Ci sono state delle problematiche. E’ inutile fare la sintesi. Non è una velleità assoluta quella di fare il Presidente della Giunta regionale. Ero stato individuato come strumento per attuare il cambiamento”.

Altre domande sono venute sui lavori in corso in città. Qualcuno tra i giornalisti presenti ha fatto rilevare che un anno fa era stata promessa una viabilità alternativa al Ponte di San Francesco ed ha poi sottolineato i lavori a rilento sul Viale Parco ed il traffico caotico. Sul punto il Sindaco Occhiuto ha ribadito “la necessità di imprimere una accelerazione ai lavori. Sia il Viale Parco che la metro di superficie sono importanti per la viabilità dell’area urbana”. Sul Parco del Benessere ha evidenziato che “è un’opera straordinaria che migliorerà la qualità della vita. Siamo consapevoli dei disagi che vive la cittadinanza, ma è un sacrificio che vale la pena sopportare. Il Comune di Cosenza non è un’isola. Quando le cose non dipendono da noi si fa fatica, ma le problematiche le affrontiamo sempre a viso aperto. In Italia ci sono tanti cantieri fermi, non solo a Cosenza. Tant’è che anche noi abbiamo più volte sollecitato la legge sblocca cantieri. C’è da dire, però, che centinaia di problemi spesso vengono creati ad arte. Ma, ogni volta, con il coraggio e il senso di responsabilità, superiamo gli ostacoli e così continueremo a fare. Qui non ci sono prestigiatori o superuomini, ci sono solo persone”.

Ad alcune domande di taglio più finanziario, ha risposto l’Assessore Lino Di Nardo. A chi ha chiesto se, essendo domani l’ultimo giorno per chiedere il rimborso dei Bruzi, le monete (o strumenti di pagamento) coniate dal Comune di Cosenza lo scorso anno a sostegno delle famiglie economicamente svantaggiate e che hanno sostituito i tradizionali sussidi economici, saranno effettivamente rimborsati alle aziende che avevano aderito all’iniziativa, l’Assessore Di Nardo ha risposto che “saranno rimborsati sicuramente, compatibilmente con le finanze di cui il Comune disporrà”. Anche su come sarà fronteggiata l’evasione dei tributi comunali e sul rapporto con Municipia è stato sempre l’Assessore Di Nardo a rispondere.

“Le imposte da attenzionare maggiormente sono la Tari e quella per il servizio l’idrico. L’IMU, tranne una quota irrilevante di evasione, viene regolarmente corrisposta dai cittadini. Nel 2019 – ha aggiunto Di Nardo – abbiamo notificato gli avvisi di mancato pagamento riferiti agli anni compresi tra il 2013 e il 2017. Il prossimo anno saremo in condizione di prevedere maggiori entrate, in quanto contiamo di essere più agevolati nel recupero dell’evasione dalle nuove normative.

Con Municipia il rapporto va avanti. Ci sono state delle discrepanze, ma dovute all’avvio dell’attività. Ora il rapporto andrà razionalizzato”.
Dalla platea dei giornalisti è arrivata anche un’altra domanda riguardante le obiezioni della Prefettura sull’utilizzo di Piazza Bilotti per il concerto con il quale Cosenza festeggerà l’arrivo del nuovo anno.

“La decisione di scegliere Piazza XV Marzo per il concerto – ha precisato il Sindaco Occhiuto – è stata presa insieme al Questore. Abbiamo ritenuto di dover garantire migliori condizioni di sicurezza che erano difficili da garantire su Piazza Bilotti, in quanto Clementino è un artista che coinvolge molti giovani che hanno, rispetto agli spettatori più adulti, un comportamento differente. A Piazza Bilotti sarebbe stato più difficile controllare il flusso delle persone. Inoltre c’è da dire che abbiamo sempre parlato della necessità di delocalizzare le attività nel centro storico e questa ci è sembrata la giusta occasione, quella che richiede peraltro un’organizzazione più agevole, meno dispendiosa e più veloce”.

A proposito del Capodanno in piazza il Sindaco ha rivolto un invito ai cittadini a spostarsi a piedi. Un ulteriore invito è stato rivolto per evitare i fuochi di artificio e, con particolare riferimento ai giovani, ad evitare il consumo di alcol e seguire le indicazioni di sicurezza previste, agevolando in questo modo l’organizzazione dell’evento. Per il concertone di Capodanno l’Amaco ha istituito un servizio navetta che funzionerà ininterrottamente dalle ore 22,30 del 31 dicembre alle ore 5,00 del 1° gennaio 2020 con partenza da Piazza dei Bruzi e arrivo alla Fontana dei 13 canali (nei pressi di Piazza XV Marzo) e viceversa. Il servizio ordinario ricomincerà a partire dalle ore 6,00 del 1° gennaio. Mentre la conferenza stampa del Sindaco era ancora in corso è arrivata dall’Amaco la notizia di un potenziamento delle navette, anche per Castrolibero e Campagnano e l’integrazione dei trasporti previsti con il servizio “Al Volo”.

Prima di chiudere l’incontro con i giornalisti il Sindaco Occhiuto ha ancora una volta ribadito l’invito “a non spostarsi in auto e ad avere comportamenti consoni, vivendo con serenità e gioia quella che dovrà essere una grande festa”.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb