In trasferta a Corigliano con 300 grammi di “erba”, un arresto e una denuncia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I Carabinieri di Corigliano Calabro hanno arrestato ieri notte un 30enne e hanno denunciato un minorenne per detenzione di sostanza stupefacente, dopo averli trovati con quasi 300 grammi di marijuana nascosti in auto.

I militari, durante un servizio di controllo notavano nella popolosa frazione di Cantinella un grande Suv, con i vetri tutti oscurati, fare una repentina sosta alla vista della pattuglia. Il comportamento insospettiva i carabinieri che si accostavano al veicolo e chiedevano al guidatore e al passeggero, due ragazzi, rispettivamente di 30 e 16 anni, i loro documenti di riconoscimento.

Una volta identificati ed accertato che provenivano dalla Locride, è stato chiesto loro il motivo del loro comportamento e della trasferta a Corigliano. I due apparivano indecisi e soprattutto fornivano una tesi discordante ai Carabinieri, che decidevano, quindi, di approfondire il controllo e perquisire il veicolo.

Durante la perquisizione gli uomini dell’Arma hanno trovato sotto la tappezzeria del portabagagli una grande busta di cellophane trasparente con all’interno un ingente quantitativo di marijuana ancora da dividere: 290 grammi di marijuana. La “roba” è stata sequestrata mentre il 30enne, B.D., è stato tradotto in carcere a Castrovillari così come disposto dal pm di turno. Per il minore, incensurato, è scattata una denuncia per lo stesso reato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM