Sequestrata nel Cosentino una tonnellata di rame, una denuncia

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I Carabinieri Forestale di Montalto Uffugo hanno sequestrato circa 1.000 chili di rame di dubbia provenienza e denunciato per furto un uomo.

Il sequestro è avvenuto durante un servizio volto al controllo sulle misure di contenimento del fenomeno epidemico da Covid-19, lungo la rete di viabilità in direzione del centro storico di San Vincenzo la Costa, all’altezza della località Santa Maria di Settimo di Montalto.

Durante i controlli è stato fermato un operaio di una società di riparazioni d’impianti, alla guida di un autocarro carico di una bobina di 60 metri lineari di rame.

Materiale per il quale non è stato possibile accertarne la provenienza e neanche la destinazione. Per questo motivo i militari hanno inteso estendere il controllo anche presso l’abitazione dell’uomo dove hanno rinvenuto numerose bobine di cavi di rame, un cumulo di rottami di rame riconducibili a tubature idrauliche, oltre a cinque grosse sacche di juta contenenti filamenti sempre di rame già sguainati pronti per essere immessi sul mercato nero.

Materiale che l’uomo, secondo quanto riferiscono i militari, non ha saputo giustificarne la provenienza. Il rame sequestrato anche conosciuto come “oro rosso”, se immesso nel mercato nero, avrebbe fruttato circa 4 mila euro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER