Vessa e minaccia la madre per i soldi della droga, in cella un cosentino


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Voleva soldi, sempre più soldi per comprarsi alcol e droga e se non li otteneva si scagliava con violenza contro chi l’aveva messo al mondo, la mamma, rimproverandole la sua infelice esistenza e triste condizione sociale.

Visto l’andazzo di maltrattamenti e angherie, la signora tempo fa aveva avuto il coraggio di denunciarlo nella speranza di una sua ripresa, purtroppo mai avvenuta. Era stato in carcere per questo.

Uscito di cella e tornato in libertà eccolo di nuovo all’attacco della madre con richieste di denaro che la donna non poteva soddisfare. E ad ogni rifiuto arrivavano minacce, soprusi, ingiurie, urla aggressive e talvolta le botte. Addirittura il tizio arrivava a svegliarla di notte per spaventarla, spaccandole anche i mobili di casa.

Il protagonista di questa brutta storia, purtroppo molto comune, è un 41enne di Cosenza. L’uomo è stato nuovamente arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Cosenza con l’accusa di maltrattamenti, estorsione e lesioni aggravate.

L’ennesimo episodio è avvenuto lo scorso 9 febbraio, quando la signora, una donna di 64 anni, è stata trovata in forte stato di agitazione dopo una violenta aggressione da parte del figlio violento.

I carabinieri che si sono nuovamente recati a casa della vittima hanno raccolto elementi volti a ricostruire le responsabilità del 41enne. Elementi che hanno consentito l’emissione di una misura cautelare nel carcere di Cosenza disposta dal giudice presso il Tribunale su richiesta della locale Procura.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM