Protesta degli Oss davanti l’Azienda ospedaliera di Cosenza

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Alcuni Operatori socio sanitari davanti all’Ao di Cosenza (Ansa)

Sit-in di protesta stamani davanti la direzione dell’Azienda ospedaliera di Cosenza da parte degli Oss che attendono di completare la procedura concorsuale per l’assunzione di 24 operatori socio sanitari, bandita nel 2017 e bloccata da una serie di ricorsi. In particolare, la preselezione si è svolta nella primavera del 2019 e su circa 7mila partecipanti solo 1.045 sono passati alla prova scritta, superata poi da 700 concorrenti.

La pandemia però non ha consentito a tutti di partecipare e i concorrenti hanno presentato una serie di ricorsi. Dopo oltre 3 anni, dunque, il concorso si è nuovamente fermato nonostante la legge dia la possibilità ai ricorrenti di svolgere una prova suppletiva.

Il commissario dell’Azienda Isabella Mastrobono, ha incontrato una delegazione di manifestanti e si è impegnata a far proseguire la procedura concorsuale indicendo la prova suppletiva per i ricorsisti senza attendere le motivazioni del TAR.

Infine, ha promesso che incontrerà nuovamente i manifestanti tra 15 giorni e che lavorerà per portare a compimento il concorso e stilare definitivamente una graduatoria di operatori socio sanitari per Cosenza, affinché non si debba attingere dalle graduatorie di altre province.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM