Veliero con 56 immigrati intercettato a Crotone, arrestati 3 scafisti


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Veliero con 56 immigrati intercettato a Crotone, arrestati 3 scafisti L’unità aeronavale della Guardia di finanza di Vibo Valentia di stanza a Crotone ha intercettato e bloccato un veliero con 56 migranti a bordo mentre si avvicinava alle coste calabresi.

Dopo aver dato assistenza agli immigrati, i finanzieri insieme alla squadra mobile della Polizia hanno acquisito elementi utili per procedere all’identificazione e all’arresto di tre presunti scafisti di nazionalità ucraina tra i 27 e i 48 anni.

Secondo quanto ricostruito, l’imbarcazione – proveniente dalla Turchia, battente bandiera tedesca e denominata “Maria” – era difficilmente sospettabile perché mimetizzata tra il comune traffico da diporto. Il veliero è stato segnalato dal mezzo aereo del Corpo al reparto navale di Crotone quando si trovava al largo della costa crotonese.

Il successivo intervento dell’unità navale, ha permesso di fermare ed abbordare il veliero, dove, oltre ai tre uomini di equipaggio, di nazionalità ucraina, erano presenti 56 migranti irregolari tra cui 9 donne e 16 bambini, tutti stipati sottocoperta in condizioni disumane.

I tre sono stati condotti in carcere con l’accusa di favoreggiamento aggravato all’immigrazione clandestina. Secondo quanto accertato i trafficanti per la traversata dalle coste turche a quelle italiane hanno incassato circa 4.000 dollari da ogni migrante.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER