‘Ndrangheta in Piemonte, sequestro a condannato in Crimine

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

dia direzione investigativa antimafiaLa Direzione investigativa antimafia (Dia) di Torino ha dato esecuzione al decreto di sequestro anticipato di beni, emesso dal locale Tribunale, nei confronti di Francesco Ietto, 54 anni, ritenuto affiliato al “locale” di ‘ndrangheta di Natile di Careri (Reggio Calabria) e condannato, con sentenza passata in giudicato, a 7 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione “Crimine-Infinito”.

L’ uomo, appartenente alla famiglia Ietto-Testa Grossa operante in Calabria, in provincia di Torino e nel basso milanese, dagli arresti domiciliari continuava a riciclare i proventi di origine illecita, utilizzando società a lui riconducibili, motivo per il quale è stato arrestato nel 2015.

Il sequestro era stato chiesto dal Direttore della Direzione investigativa antimafia, Nunzio Antonio Ferla. Tra i beni confiscati, tutti di proprietà o riconducibili a Ietto, figurano 4 società, oltre 30 mezzi (tra camion e autovetture) e 5 rapporti finanziari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER