Cupola invisibili, a processo Caridi, Sarra e Romeo


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Alberto Sarra
Alberto Sarra

Il Giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Reggio Calabria ha rinviato a giudizio 40 imputati nel processo Ghota tra i quali l’ex senatore Antonio Caridi (Gal), l’ex parlamentare del Psdi Paolo Romeo, l’ex sottosegretario della Giunta regionale della Calabria di centrodestra, Alberto Sarra, l’ex rettore del Santuario della Madonna della Montagna di Polsi don Pino Strangio, l’ex presidente della Provincia Giuseppe Raffa, l’ex magistrato Giuseppe Tuccio.

Caridi, Romeo e Sarra sono accusati di avere fatto parte della cupola degli “invisibili” che, legata alla massoneria, governerebbe la ‘ndrangheta. A giudizio, tra gli altri, anche l’avvocato Antonio Marra e l’ex dirigente del settore Lavori pubblici del comune di Reggio Calabria, Marcello Cammera.

Il processo inizierà il 20 aprile prossimo. Con il rito abbreviato saranno giudicati, invece, a partire dal 29 marzo, l’avvocato Giorgio De Stefano, l’ex vicepresidente di Fincalabra Spa Nuccio Idone, l’ex sindaco di Villa San Giovanni Antonio Messina, il pentito Roberto Moio e presunti esponenti della ‘ndrangheta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM