Sorpreso con mezzo chilo di marijuana, arrestato

Si tratta di un corriere nigeriano che da Napoli stava andando a Messina, Un altro giovane reggino arrestato per possesso di stupefacenti

Carlomagno campagna Fiat Gamma 500 L settembre 2019

E’ di due persone arrestate e oltre mezzo chilo di droga sequestrata il bilancio di due distinte operazioni della Guardia di finanza di Reggio Calabria e di Villa San Giovanni.

I militari di Villa hanno arrestato un ragazzo di 21 anni di origini nigeriane, dimorante a Napoli e diretto presumibilmente a Messina. Il soggetto appena sceso da un treno proveniente dalla città partenopea, si stava dirigendo verso gli imbarcaderi per Messina quando una pattuglia di finanzieri notandolo visibilmente preoccupato e sospettoso, ha deciso di fermalo per un controllo.

Il giovane, inizialmente collaborativo, anche tenuto conto della presenza di numerosissime persone nel piazzale antistante la stazione, decideva improvvisamente di darsi alla fuga abbandonando sul posto lo zaino, così riuscendo, in prima battuta, a far perdere le sue tracce ma è stato rintracciato poco dopo.

La successiva perquisizione personale ha consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro un involucro di marijuana del peso complessivo di oltre mezzo chilo. Venivano, inoltre, rinvenuti e sottoposti a sequestro due telefoni cellulari e una carta di credito elettronica ricaricabile.

Nell’altra attività di controllo eseguita dai militari della Compagnia di Reggio Calabria, unitamente alle unità cinofile, ha portato all’arresto di un uomo di 31 anni, dimorante in città. L’uomo, visto entrare in una abitazione con una busta bianca, ne era uscito senza. Insospettiti, i militari lo hanno bloccato e una volta rientrati in casa, il 31enne ha consegnato la busta che conteneva 13 grammi di cocaina e marijuana, un bilancino perfettamente funzionante e diverso materiale per il confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro. Anche per lui inevitabili le manette.

All’esito dei rispettivi giudizi direttissimi, la competente autorità giudiziaria ha convalidato gli arresti eseguiti.