Sfruttavano lavoratori e favorivano la prostituzione. Diversi arresti nel Reggino

Colpita una rete di caporali, composta da cittadini extracomunitari di origine centro-africana ed all’epoca dei fatti domiciliati presso la baraccopoli di San Ferdinando e nel Comune di Rosarno


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
Archivio

È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione dell’Arma dei Carabinieri di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare a carico di numerose persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Colpita una rete di caporali, composta da cittadini extracomunitari di origine centro-africana ed all’epoca dei fatti domiciliati presso la baraccopoli di San Ferdinando e nel Comune di Rosarno, i quali, in concorso con i titolari di aziende agricole e cooperative operanti nel settore della raccolta e della vendita di agrumi nella Piana di Gioia Tauro, erano dediti prevalentemente alle attività di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro ai danni di braccianti agricoli extracomunitari, nonché alla commissione di ulteriori reati quali il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione di donne africane.

I particolari dell’operazione saranno resi noti in mattinata durante una conferenza stampa che il Procuratore di Palmi, Dott. Ottavio Sferlazza, terrà presso il Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb