Un bunker per coltivare la marijuana, due arresti

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Avevano allestito una sorta di “bunker” sotterraneo per coltivare marijuana. Per questo padre e figlio, Salvatore Recupero, di 62 anni, e Marco, di 33, già noto alle forze dell’ordine, sono stati arrestati dai carabinieri della Stazione di San Martino di Taurianova e di Taurianova, insieme ai colleghi Cacciatori dello Squadrone Eliportato di Vibo Valentia.

I due sono accusati di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente e furto aggravato di energia elettrica. Nel corso di una perquisizione in una proprietà rurale di Taurianova di proprietà dei due, protetta da muri perimetrali e da un professionale sistema di videosorveglianza, i carabinieri hanno trovato varie buste con marijuana già essiccata, due piante di cannabis alte circa 80 centimetri e vari strumenti di pesatura e preparazione della sostanza.

Quindi hanno notato una botola che portava in un sotterraneo. Scesi con una improvvisata scala e superata una porta in ferro, i militari hanno trovato una sofisticata piantagione con 49 piante di canapa.

Le piante erano in pieno stato vegetativo e la struttura era dotata di impianto di ventilazione, illuminazione, aerazione e irrigamento automatico, nonché costosi dispositivi di temporizzazione. Le pareti erano
coperte anche da alluminio per mantenere la temperatura e le condizioni interne ottimali.

L’impianto era alimentato abusivamente grazie ad un collegamento alla rete elettrica pubblica che è stato disattivato da personale tecnico. Successivamente, nella perquisizione delle loro abitazioni, è stato individuato un ulteriore allaccio abusivo alla rete elettrica che alimentava sia l’abitazione di Salvatore Recupero sia un vicino negozio di alimenti a lui riconducibile. Salvatore Recupero è stato portato in carcere mentre il padre è stato posto ai domiciliari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER