13 Luglio 2024

Terrorismo, espulsi magrebini radicalizzati. Inneggiavano a Isis

Correlati

miliziani isisSono cinque i magrebini radicalizzati o a rischio radicalizzazione, che inneggiavano all’Isis, rimpatriati dalla Questura di Imperia, dall’inizio dell’anno. L’ultimo è un 30enne marocchino, detenuto in carcere a Sanremo.

Era arrivato in Italia ai primi del 2000, come clandestino, poi regolarizzato aveva “collezionato” arresti per spaccio e reati contro il patrimonio, commessi soprattutto in provincia di Savona. Nel 2016 è stato indagato dalla Polizia Postale di Imperia, perché sospettato di attività di proselitismo per lo Stato Islamico.

Tra gli altri stranieri rimpatriati c’è un tunisino di 47 anni, che aveva cercato di “sanare” la sua condizione di clandestinità sposandosi con una cittadina italiana. Detenuto in diverse carceri pare abbia fatto propri i dettami del Daesh, come dimostrato dai disegni rinvenuti nella sua cella. Gli altri sono due tunisini di 26 e 33 anni e un pachistano trentenne, tutti radicalizzati durante la detenzione.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ucraina, superata la linea rossa tra Nato e Russia. Con Biden fuori controllo

C'è aria di escalation tra l'Occidente e la Russia, un clima da guerra (ad avviso di molti osservatori 'poco...

DALLA CALABRIA

Il Csm nomina Bombardieri procuratore di Torino

Originario di Riace, 61 anni, il magistrato guidava dal 2018 la distrettuale di Reggio Calabria dopo essere stato aggiunto a Catanzaro

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)