Natale a Cosenza, apre in città il Villaggio degli Elfi

Il Villaggio degli Elfi a Cosenza
Il Villaggio degli Elfi a Cosenza

Dopo l’accensione dell’Albero di Natale altra tappa importante delle “Buone Feste cosentine” è l’apertura del Villaggio degli Elfi, promosso e coordinato dall’Assessore alla Comunicazione, turismo, marketing territoriale e grandi eventi, Rosaria Succurro.

L’inaugurazione è prevista mercoledì 7 dicembre, alle ore 17,00, nella Villa Vecchia, alla presenza del Sindaco Mario Occhiuto e della stessa Rosaria Succurro. Al Villaggio degli Elfi, in una sorta di hellzapoppin’, saranno concentrate le attività che l’Amministrazione comunale ha pensato per i bambini, i ragazzi e, naturalmente, per le loro famiglie.

Accanto ai momenti più direttamente legati al gioco e alla dimensione ludica del Villaggio, coesisteranno anche attività più inclini a suscitare la riflessione di coloro che nelle festività di Natale e di fine anno lo visiteranno.

Il Villaggio degli Elfi sarà aperto tutti i giorni fino all’8 gennaio: la mattina dalle 10,30 alle 13,00 ed il pomeriggio dalle 15,30 alle 18,30. L’ingresso è libero. Il Villaggio sarà un luogo incantato dove i colori e la magia delle luminarie (l’idea progettuale è dell’Architetto Rosa Morelli) sapranno regalare ai visitatori momenti di grande suggestione e coinvolgimento.

La cerimonia sarà allietata dal piccolo coro dell’Associazione “Suoni e Rumori” che si esibirà in “A crazy white Christmas”, spettacolo incentrato sulle note dei più famosi classici di Natale in una versione rivisitata.
Le voci bianche, dai 4 ai 10 anni di età, saranno dirette da Roberta Castellano.

La sua associazione “Suoni e Rumori”, ormai da anni, si impegna ad incentivare la formazione musicale, dedicandosi soprattutto a ragazzi e bambini che vogliono avvicinarsi al meraviglioso mondo della musica.
A far da contorno alla giornata inaugurale del Villaggio degli Elfi, i personaggi del mondo di Frozen: Elsa, Anna e Olaf. Il tutto in una coloratissima coreografia con sculture di palloncini, truccabimbi, bolle di sapone giganti e coriandoli.

Tra le attrazioni principali del Villaggio degli Elfi, confermatissimi, a pieni voti, l’Ufficio Postale di Babbo Natale, dove i bambini potranno imbucare le loro letterine e la Casa della Befana che, quando si avvicinerà l’Epifania, prenderà il posto del primo.

Torna la sala cinema, con le proiezioni di film per bambini, prevalentemente di animazione (primo film in programma il 7 dicembre “Madagascar 3”), i laboratori creativi ed artistici (di riciclo, di pasticceria, di decoupage cui si aggiungeranno i laboratori della Fondazione Thun che quest’anno ha dato un contributo importante alla decorazione dell’Albero di Natale di Corso Mazzini) e, ancora, la sala lettura. Ai più assidui frequentatori di quest’ultima saranno regalati dei libri. Per tutto il periodo dell’apertura del Villaggio degli Elfi funzionerà anche il Diorama “Foce del Crati” collocato all’interno della struttura dell’anfiteatro della Villa Vecchia e realizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con il Centro Studi del Pollino “Il Nibbio” di Morano Calabro.

Qui, bambini e ragazzi potranno apprezzare uno spaccato realistico di un habitat della foce del Crati. Realizzato con uno sfondo pittorico su un supporto in forex, esso riproduce un’immagine reale del fiume Crati che sfocia nel mare Ionio. All’interno del Diorama sono stati collocati animali naturalizzati, provenienti da recuperi di animali trovati privi di vita, che a mezzo dell’arte della tassidermia trovano “nuova linfa” per scopi didattici. Tra questi, il tarabuso, l’airone, lo svasso, la spatola, la moretta tabaccata , il falco di palude, la faina, il riccio, la volpe e tanti altri.

All’interno della sala, un impianto sonoro riproduce i versi degli animali presenti. “Una città a misura di bambino come Cosenza – sottolinea l’Assessore Rosaria Succurro – non poteva non riproporre il Villaggio degli Elfi, che negli anni scorsi ha suscitato grande apprezzamento. La sua dimensione magica e quasi fiabesca fa sì che anche gli adulti ridiventino fanciulli. Al suo interno, l’età della spensieratezza trova terreno fertile e occasioni di creatività aderendo pienamente a quella che è l’atmosfera festosa del Natale. L’Amministrazione comunale ha voluto anche quest’anno sublimare questa dimensione del gioco e della Festa accomunando grandi e piccini in un unico multiforme contenitore”.