Gioia Tauro, omicidio Livio Musco. Arrestato killer Teodoro Mazzaferro

Gioia Tauro, omicidio Livio Musco. Arrestato killer Teodoro Mazzaferro
Il presunto assassino Teodoro Mazzaferro

I carabinieri della compagnia di Gioia Tauro, alla guida del maggiore Francesco Cinnirella, hanno arrestato Teodoro Mazzaferro, di anni 77, di Palmi, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo è ritenuto responsabile dell’efferato omicidio di Livio Musco, noto imprenditore agricolo locale, avvenuto in data 23 marzo 2013, a Gioia Tauro.

Il provvedimento è  stato emesso dal gip del Tribunale di Palmi, su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha pienamente concordato con le risultanze investigative.

All’epoca dei fatti, l’omicidio destò enorme scalpore nella città della Piana, poiché la vittima era molto nota per l’onesta storia della sua famiglia e per la gestione delle aziende.

Secondo l’accusa, il presunto assassino si sarebbe introdotto  all’interno della tenuta di famiglia e avrebbe ucciso con spietata freddezza il barone Livio Musco.

Teodoro Mazzaferro avrebbe esploso all’indirizzo di Musco due colpi di pistola calibro 7,65 a bruciapelo, cogliendolo di sorpresa, mentre questi era seduto alla scrivania dello studio della sua abitazione. Il movente sarebbe riconducibile a contrasti per interessi economico/finanziari.

Espletate le varie formalità Mazzaferro è stato tradotto presso la casa circondariale di Palmi  a disposizione dell’autorità giudiziaria.