27 Febbraio 2024

Omicidio nel Bergamasco, donna uccide il marito a coltellate. Arrestata

Una 46enne ha accoltellato il coniuge 56enne nella camera da letto. Fatale un fendente alla gola. Il delitto è avvenuto quando in casa c'era la figlia di 5 anni, affidata ora ai parenti. La donna nell’ultimo periodo aveva vissuto delle problematiche lavorative e personali che avevano inciso in modo assai rilevante sul suo stato emotivo

Correlati

Una donna di 46 anni, Caryl Menghetti, ha ucciso a coltellate il marito, di dieci anni più grande, Diego Rota, nella loro villetta in via Cascina Lombarda, a Martinengo, centro in provincia di Bergamo.

L’omicidio è avvenuto poco dopo le 23 di giovedì sera. Dalle prime informazioni, i carabinieri di Treviglio – intervenuti qualche minuto dopo -, sono ancora a lavoro per ricostruire i dettagli dell’accaduto. La donna intanto è stata fermata dai carabinieri di Treviglio. La coppia ha una figlia di 5 anni che era in casa, non è chiaro se stesse dormendo o fosse sveglia.

Giunti sul posto i militari – ricostruisce una nota della Compagnia di Treviglio – hanno accertato che una donna italiana di 46 anni si sarebbe resa responsabile, alcuni minuti prima, dell’omicidio del marito, un cittadino italiano 56enne, ferendolo mortalmente al corpo e alla gola con un coltello da cucina mentre l’uomo si trovava in camera da letto. L’arma del delitto è stata individuata e sequestrata. L’immobile è stato posto sotto sequestro.

Non sono emersi al momento elementi che possano ricondurre l’omicidio a pregressi episodi di
maltrattamenti in famiglia.

Secondo la prima ricostruzione non vi sarebbero state criticità nel rapporto di coppia e la donna nell’ultimo periodo aveva vissuto delle problematiche lavorative e personali che avevano inciso in modo
assai rilevante sul suo stato emotivo.

La figlia della coppia, di 5 anni, è stata affidata ai familiari su disposizione della Procura dei
Minori di Brescia.

Al termine delle attività d’indagine, coordinate dal pubblico ministero della Procura della
Repubblica di Bergamo, la donna è stata arrestata è tradotta presso la Casa Circondariale di Bergamo.

Sono in corso accertamenti sullo storia clinica della 46enne. Secondo quanto scrive Repubblica nel 2020 avrebbe subito un trattamento sanitario obbligatorio e poi un ricovero e – dalle prime informazioni – risulta anche che ieri mattina fosse stata accompagnata proprio dal marito all’ospedale di Treviglio e visitata nel reparto di Psichiatria, ma poi da qui dimessa con una terapia farmacologica.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Si vota per le regionali in Sardegna, 1,4 milioni gli elettori chiamati alle urne

Urne aperte dalle 6.30 di oggi 25 febbraio in Sardegna per le elezioni regionali. Cominciano le operazioni di voto...

DALLA CALABRIA

Scrontro frontale nel crotonese, due morti e due feriti gravi

Due giovani, un ragazzo e una ragazza sono morti e due sono feriti gravemente feriti in un incidente stradale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)