Mareggiata, Coldiretti stima 5 mln di danni solo per l’agricoltura

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

danni mareggiata AcquappesaSarebbe di circa 5 milioni di euro, al momento, il danno stimato per l’agricoltura dalla Coldiretti Calabria nella fascia tirrenica che va da Lamezia Terme a Campora San Giovanni, colpita nei giorni scorsi da violente mareggiate, intense precipitazioni e venti di burrasca.

Ad aver subito i maggiori danni sono stati gli ortaggi e prevalentemente la pregiata e molto richiesta dal mercato cipolla rossa di Tropea Igp Calabria che proprio in questa area può contare circa 700 ettari investiti a cipollotto.

“Non solo è andato perduto il raccolto di cipollotto Igp ma anche per non perdere quote di mercato – sottolinea la Coldiretti – sarà necessario procedere di nuovo alla loro messa a dimora e ciò comporterà un ulteriore aggravio dei costi per le aziende. Ma a subire danni prosegue Coldiretti – sono stati anche gli impianti irrigui collettivi del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese e quelli degli agricoltori all’interno delle aziende”.

“Bene ha fatto la Regione a fare la richiesta dello stato di calamità – dichiara Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria – adesso è importante che subito si avviino sopralluoghi analitici per individuare i danni subiti da ogni singolo agricoltore e alle altre attività economiche. Ancora una volta – conclude – si ripropone il tema dell’erosione costiera, la manutenzione preventiva del territorio che inevitabilmente fanno il paio con il consumo del suolo un bene prezioso da conservare “.

A questi danni vanno sommati quelli subiti da strutture balneari, strade, lungomare e abitazioni e negozi su tutto il litorale che va da Nocera Terinese a Scalea dove la violenza delle acque ha rosicchiato spiagge e marciapiedi e spazzato via alcuni lidi, con l’acqua che ha seriamente danneggiato case e esercizi commerciali. La Regione ha chiesto lo stato di calamità naturale.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM