Omicidio Carruccio, indagini dei Carabinieri ad ampio raggio

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Pasquale Carruccio
la vittima Pasquale Carruccio

I carabinieri di Crotone indagano a ritmo serrato per risolvere il caso dell’omicidio di Pasquale Carruccio, l’operio 44enne accoltellato a morte lunedì sera a Cirò Marina. Gli investigatori, stando a quanto trapela, non avrebbero individuato testimoni in grado di fornire elementi utili alle indagini.

Nessuno sembra aver visto malgrado l’aggressione sia avvenuto ieri nel centro abitato, tra le 19.15 e le 19.45, quindi non a tarda ora. Gli investigatori stanno visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti in zona nel tentativo di scoprire anche il più piccolo dettaglio che possa aiutarli a risolvere il caso. Interrogatori sono in corso tra parenti, amici e conoscenti della vittima. L’arma del delitto non è stata trovata.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

L’uomo è stato rinvenuto sul selciato in via Pirainetto, nei pressi della scuola Casopero, intorno alle ore 20 di ieri sera. Ma l’aggressione, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri di Cirò Marina, sarebbe avvenuta a qualche centinaio di metri di distanza, in via Capo Alice. L’uomo sarebbe stato colpito con due fendenti, uno alla spalla, l’altro tra braccio e costato.

Carruccio malgrado le ferite, era riuscito a telefonare ad un amico chiedendogli aiuto ma quando lo stesso amico era giunto nel luogo indicato non lo aveva trovato. Sul posto c’era già l’ambulanza del 118 di Cirò, chiamata probabilmente da qualche passante, che ha prestato le prime cure al ferito poi trasportato al pronto soccorso di Crotone dove, però, è deceduto per le gravi lesioni riportate al petto.

Le indagini, coordinate dal pm Golluccio, sono condotte dalla compagnia dei carabinieri di Cirò Marina e dal nucleo investigativo del reparto operativo del Comando provinciale dell’Arma di Crotone, chiamati ora a far luce su quello che al momento appare come un vero e proprio giallo.

Sul conto di Pasquale Carruccio, a quanto si apprende, risultano piccoli precedenti datati. Secondo i suoi compaesani, conduceva una vita tranquilla. Dopo aver vissuto e lavorato a Perugia, l’uomo era rientrato a Cirò Marina dove abitava con due sorelle. Lavorava saltuariamente come muratore o falegname.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM