Maltempo in Calabria, fortissimo vento: tetti divelti e alberi caduti

Imperversa l'ondata di maltempo sulla costa ionica calabrese. Raffiche di oltre 100 km/h. Allagate strade e scantinati


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Numerosi sono gli interventi dei Vigili del fuoco per l’ondata di maltempo sulla costa ionica calabrese dove per tutta la giornata di oggi è stata diramata l’allerta rossa. Si registrano alcuni danni e allagamenti in diverse zone del crotonese e nel catanzarese. Allagate strade e scantinati, sono caduti alberi, cartelloni pubblicitari e divelte tegole dai tetti. Non risulta al momento nessun ferito.

A Catanzaro un ramo è caduto vicino ad una macchina ma senza fare danni. Nella frazione marina, il lungomare è allagato, così come lo sono le strade in diverse località della costa. A Roccelletta di Borgia un’auto della polizia municipale è rimasta impantanata mentre gli agenti stavano effettuando verifiche ed è stata rimossa dai vigili del fuoco. Violente raffiche di vento – tanto che gli abitanti parlano di tromba d’aria – hanno colpito la zona di Simeri e di Zagarise. Colpito anche il reggino, tra Bianco e Siderno, ed il crotonese.

Le intense piogge sono arrivate a far registrare precipitazioni anche di 170 mm in 12 ore. Il dato, riferito alla stazione pluviometrica di Mesoraca-Fratta ricadente nel bacino idrografico del fiume Tacina, nel crotonese, è stato rilevato dall’Arpacal.

Valori intorno a 140 mm sono stati registrati a Cropani ed a Petronà, sul versante ionico catanzarese. Anche sul versante Ionico Reggino sono stati registrati valori rilevanti: più di 100 mm in 12 ore ad Antonimina, Canolo Nuovo, Platì ed a San Luca. Valori più bassi, ma ritenuti comunque “significativi” sono stati registrati anche nell’alto Ionio Cosentino. Ad Albidona sono stati misurati quasi 90 mm in 9 ore.

Il forte vento che ha colpito il crotonese, soprattutto nella zona del marchesato, tra Cutro e Scandale, ha provocato danni ed il ferimento di una persona. Si tratta di un uomo di Scandale che, per cercare di chiudere una finestra che era stata aperta dal ciclone, è rimasto ferito al volto ed ha dovuto recarsi al pronto soccorso dell’ospedale di Crotone dove gli sono stati applicati 10 punto di sutura. Pezzi di tetto e canne fumarie sono state abbattute dal vento: un negozio di pneumatici è stato devastato e le gomme disperse per strada. Un pezzo di tetto in lamiera è finito in una piazzetta, per fortuna senza provocare feriti o danni alle auto parcheggiate.

Tanta paura anche a Cutro, che l’anno scorso fu colpito da due tornadi. Il vento ha scoperchiato alcuni tetti e divelto diversi alberi. Danneggiate auto in sosta mentre alcune abitazioni hanno avuto i vetri delle finestre infranti. Disagi alla circolazione si sono verificati su alcune strade provinciali per la caduta di alberi.

Hanno raggiunto i 113,76 chilometri/orari i venti che hanno spirato dalla tarda serata di ieri sulla Calabria. Il dato è stato registrato dal Centro multirischi dell’Arpacal alle 23 di ieri a Monasterace, nel reggino. Vento superiore ai 100 km/h è stato registrato anche nel cosentino, a Paola (102,6), e nel catanzarese, a Sellia Superiore (100,8). Un’intensità superiore ai 90 km/h è stata invece registrata da Arpacal Capo Spartivento (96,84), Petilia Policastro (96,12), Crotone (90) e Scilla Monte Scrisi (96,12).

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb