Uccise la figlia neonata e occultò corpo in valigia, pm chiede 10 anni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

omicidio infanticidioDieci anni di reclusione: questa la richiesta di condanna avanzata dal pm di Catanzaro Alessandro Prontera nei confronti di Marianna Roshka, la donna ucraina di 33 anni che il 17 agosto 2015 avrebbe ucciso la figlia neonata in un’abitazione di Montepaone, nascondendone il corpo in una valigia all’interno di un armadio.

La donna è accusata di omicidio e occultamento di cadavere ed ha ottenuto di essere giudicata con rito abbreviato. Furono i carabinieri della Compagnia di Soverato a scoprire la vicenda dopo una segnalazione del pronto soccorso dell’ospedale. La donna, residente in provincia di Varese ma in vacanza a Montepaone insieme ai familiari, vi era giunta dicendo di non sentirsi bene. Ma i medici avevano immediatamente individuato i segni di un parto recente. Da qui la perquisizione e la macabra scoperta.

Le indagini portarono, nel dicembre dello stesso anno, all’arresto della donna. Il processo davanti al gup Pietro Carè riprenderà il prossimo 11 maggio per l’arringa difensiva. Leggi la dinamica dell’omicidio


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER