Armi e droga, arrestati a Lamezia zio e nipote

Carlomagno Alfa Romeo Giulia giugno 2018

armi e droga lameziaDue lametini, zio e nipote, Francesco Strangis di 57 anni e Saverio Strangis di 22, sono stati arrestati il primo per il reato di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti, nonché di detenzione illegale e ricettazione di armi da fuoco, il secondo per il reato di detenzione di sostanza stupefacente al fine di spaccio.

Durante un mirato servizio finalizzato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti condotto da personale del Commissariato di pubblica sicurezza di Lamezia Terme, unitamente a personale del Reparto prevenzione crimine di Vibo Valentia e di una unità cinofila di Vibo Valentia, hanno effettuato un controllo dapprima all’interno dell’abitazione di Francesco Strangis, dove fin dall’inizio, il cane antidroga è stato attratto dal soggetto e da indumenti poggiati sul letto.

Gli investigatori insospettiti del comportamento del cane poliziotto, decidevano di estendere la perquisizione alle pertinenze della casa.

All’interno di un magazzino, adiacente all’ abitazione, il cane antidroga era attratto da alcuni sacchi in plastica di colore nero, del tipo utilizzato comunemente per la raccolta dei rifiuti, ma che spesso vengono utilizzati per nascondere stupefacenti. Insospettiti, i poliziotti hanno esteso la perquisizione ai terreni circostanti l’abitazione sempre nella disponibilità di Francesco Strangis.

Da una perlustrazione dell’ orto di casa si notava un sentiero lungo il quale, occultato tra dei rovi, veniva rinvenuto un sacco in plastica di colore nero dello stesso tipo di quelli segnalati dal cane antidroga all’interno del magazzino, nel quale era custodita marijuana già essiccata.

Proseguendo sullo stesso sentiero, si giungeva in un altro appezzamento di terreno coltivato ad ortaggi, a margine del quale, tra i rovi presenti, occultati dalle sterpaglie, venivano rinvenuti due tubi in plastica di colore arancione, all’interno dei quali venivano rinvenuti un fucile a canne sovrapposte calibro 12 marca Franchi, e uno calibro 12 modello Beretta, proventi di precedenti furti, nonché due confezioni contenenti una 94 cartucce e l’altra 72 cartucce calibro 12, inoltre si rinvenivano 5 cartucce a pallettoni e 2 cartucce a palla singola.

Nel prosieguo della perquisizione, a circa 20 metri a monte del luogo del rinvenimento del fucile, all’interno di un bosco di castagni e di faggi, veniva rinvenuto un essiccatoio realizzato con fil di ferro, dove vi era appeso dello stupefacente, sempre del tipo marijuana, quasi pronto per il confezionamento ed altro stupefacente custodito in un sacco di plastica nero.

Inoltre nella fitta vegetazione erano situate tre terrazzamenti, tutti collegati tra di loro, con impianto di irrigazione perfettamente funzionante, dove si rinvenivano, poste a dimora 35 rigogliose piante di marijuana, in maturazione dell’altezza di 2,5 metri.

Successivamente nella casa di Saverio Strangis , occultata all’interno di una cassa acustica, si rinveniva altra sostanza stupefacente, sempre del tipo marijuana, già confezionata e pronta per lo spaccio, per un quantitativo pari a 28,6grammi.

Tutto lo stupefacente, le piante di marijuana, i fucili e le cartucce sono stati posti sotto sequestro.
L’autorità giudiziaria competente ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere per Francesco Strangis e l’obbligo di firma presso l’autorità di pubblica sicurezza per Saverio Strangis.