Omicidio in Calabria, donna trovata uccisa a coltellate. Fermato un uomo

A Stalettì, centro costiero del Catanzarese. La vittima è una 51enne rinvenuta senza vita tra gli scogli. Da un primo esame medico legale, la donna è stata colpita da numerosi fendenti. In manette un 36enne che aveva una relazione con lei


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Loredana Scalise è stata raggiunta da numerose coltellate. A trovare il cadavere tra gli scogli a Stalettì, i carabinieri
Archivio

Una donna di 51 anni, Loredana Scalone, è stata uccisa con numerose coltellate a Stalettì, centro della costa ionica catanzarese. Il corpo è stato trovato nella tarda serata di ieri dai carabinieri della Compagnia di Soverato adagiato e seminascosto in una intercapedine tra la scogliera di Pietragrande, lungo la costa.

Da un primo esame esterno, riferiscono gli investigatori, è emerso che il corpo è stato raggiunto da numerosi fendenti, utilizzando verosimilmente un coltello dalla lama lunga.

La donna, secondo la testimonianza dei familiari, era irreperibile dalle precedenti 24 ore e per questo ne hanno denunciato la scomparsa in caserma.

Per l’omicidio, i carabinieri di Soverato e del Comando provinciale di Catanzaro hanno sottoposto a fermo un 36enne di Badolato, Sergio Giana, che aveva una relazione extraconiugale con la donna. Il fermo è giunto a conclusione di un lungo interrogatorio condotto dal sostituto procuratore Anna Chiara Reale. Il movente del delitto pare essere di natura passionale.

L’uomo, è accusato di omicidio premeditato, con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di una persona a lui legata da relazione affettiva e per motivi abbietti, nonché per occultamento di cadavere.

L’omicidio, secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri, è avvenuto lunedì, giorno della scomparsa della donna. Poi ieri, Giana è tornato sul luogo del delitto per nascondere il corpo tra gli scogli.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM