Non si ferma al posto di blocco. Arrestato 26enne

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Non si ferma al posto di blocco. Francesco Bevilacqua
Francesco Bevilacqua

RENDE (COSENZA) – Non si è fermato al posto di blocco e si è messo a scorazzzare a gran velocità tra le strade della città.

Alla fine i militari dell’Arma sono riusciti a bloccarlo e a trarlo in arresto. Si tratta di Francesco Bevilacqua, 26 anni di Cosenza, già noto alle forze dell’Ordine e con obbligo di soggiorno nella città dei Bruzi.

Martedì sera attorno alle 20.30, in via Marconi a Rende, i militari della Radiomobile della locale Compagnia intimavano l’Alt ad una Smart, che a seguito di verifiche è risultata intestata a un pregiudicato di Cosenza.

L’auto, spiegano i carabinieri, non si è fermata ed è fuggita a forte velocità con manovre pericolose per gli stessi militari e per gli altri automobilisti. I carabinieri, dopo un breve inseguimento, sono riusciti a bloccare il mezzo in via Cristoforo Colombo, sempre a Rende, identificando gli occupanti. Insieme al conducente Francesco Bevilacqua, c’era un altro pregiudicato di Cosenza.

Bevilacqua è stato ammanettato per resistenza a pubblico ufficiale per le pericolose manovre evidentemente effettuate per sottrarsi ai controlli. Il giovane è stato trattenuto presso la camera di sicurezza della caserma della Compagnia di Rende, in attesa rito direttissimo fissato mercoledì mattina davanti al magistrato Antonio Tridico che deciderà se convalidare l’arresto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER