I lavoratori precari bloccano svincolo A2 a Cosenza nord. Disagi

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

protesta precari cosenzaCirca trecento i lavoratori precari del bacino ex Lsu-Lpu hanno bloccato l’autostrada A2 del Mediterraneo all’altezza dello svincolo di Cosenza Nord (Rende). I lavoratori, da vent’anni impiegati al servizio delle pubbliche amministrazioni, protestano per la mancata adozione, da parte del Governo, di provvedimenti che consentano la loro stabilizzazione. Sul posto ci sono i rappresentanti di tutte le sigle sindacali. La manifestazione è seguita dalle forze dell’ordine.

L’Amministrazione comunale di Cosenza precisa che i disagi straordinari registrati dal traffico veicolare oggi in città sono conseguenza della protesta dei lavoratori Lsu-Lpu che hanno occupato e bloccato per alcune ore lo svincolo autostradale di Cosenza Nord.

“Mi rammarico per le difficoltà riscontrate dai cittadini, rimasti a lungo imbottigliati nelle loro autovetture o nei mezzi di trasporto pubblico tra l’altro in un periodo di grande flusso come quello natalizio – dichiara il sindaco Mario Occhiuto – ma si tratta pur sempre di una situazione eccezionale che già sta tornando alla normalità. Era inevitabile una congestione causata dalla deviazione del traffico all’interno del territorio urbano. Ma, nel contempo, vorrei esprimere tutta la mia vicinanza ai lavoratori che sono scesi in strada a protestare civilmente per i loro diritti, auspicando che le loro richieste ricevano quanto prima le dovute garanzie su un futuro occupazionale finalmente stabile”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER