Terremoto di magnitudo 4.4 a due km da Rende. Paura in Calabria


Una forte scossa di terremo di magnitudo 4.4 è stata registrata a Cosenza alle 17.02, con epicentro a due km da Rende, centro alle porte del capoluogo.

Secondo i rilievi dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il sisma è stato localizzato a 10 km di km di profondità. La scossa, abbastanza potente, è stata distintamente avvertita in tutta l’area urbana e in tantissimi centri del Cosentino, del Savuto catanzarese, fino al Lametino, ma anche nel Vibonese, secondo alcune testimonianze apparse sul portale dell’Emsc. Alcuni cittadini dell’Albania hanno riferito di aver sentito il tremore a oltre 350 km di distanza.

Balconi e palazzi hanno oscillato paurosamente in città. A seguito della scossa, per paura di altre repliche, c’è stato un fuggi fuggi generale dalle case, dove il movimento tellurico ha causato la caduta di oggetti e soprammobili. Negli esercizi commerciali e nei market sono caduti in terra prodotti dagli scaffali. Diverse le chiamate ai vigili del fuoco. Irraggiungibile il centralino a Cosenza.

La scossa è stata registrata anche da altri istituti nel mondo. L’Usgs statunitense, su tutti, classifica l’evento di Rende con una magnitudo 4.8.

Al momento non si hanno notizie di eventuali danni a cose o persone. Vi sono tante persone all’aperto a Cosenza e si sentono in giro diverse ambulanze a sirene spiegate.

La scossa di Rende era stata preceduta da un altro evento di magnitudo 3.4 localizzato a largo delle coste del Tirreno Cosentino, a 99 km da Cosenza.

I precedenti analoghi
A Cosenza una scossa di questa potenza non si avvertiva dal 1980. Alle 3.30 della notte del 20 Febbraio di quell’anno una forte scossa tra il 6° e il 7° della scala Mercalli era stata registrata con epicentro ad Arcavacata di Rende. Quella scossa era stata ricalcolata a magnitudo 4.4 dall’Ingv, cioè uguale a quella di oggi. Il 23 Novembre dello stesso anno, un altro forte sisma su avvertito in tutto il centro sud per effetto del catastrofico terremoto in Irpinia, di magnitudo di 6,9.

Dino Granata

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb