Caos Sanità, Occhiuto: “Dei Commissari catapultati in Calabria l’unica competenza era l’inettitudine”

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Palazzo dei Bruzi Cosenza

“Ho dovuto assumere delle decisioni importanti, quando, cogliendo il grido di dolore dei primari direttamente interessati dall’emergenza Covid e dei medici del pronto soccorso, mi sono recato più volte in Ospedale e ho constatato che c’erano delle persone che stavano lì per giorni e giorni senza cure adeguate e senza avere la possibilità di una destinazione in reparto”. Lo ha detto il Sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, intervenendo alla seduta della Commissione consiliare sanità, convocata dalla Presidente Maria Teresa De Marco, ed alla quale ha preso parte anche il Presidente dell’Ordine dei Medici Eugenio Corcioni. Nell’apprezzare il contributo importante e prezioso fornito in queste settimane di emergenza tanto dalla Presidente della commissione sanità De Marco, quanto dal Presidente dell’Ordine dei Medici, il Sindaco Occhiuto ha sottolineato che “gli anziani al pronto soccorso chiedevano il mio aiuto. Ho trovato una persona tre volte di seguito senza che venisse trasferita in reparto. Ho avuto la conferma – ha detto ancora il Sindaco – che in questi mesi non si è fatto nulla. Non è vero che i politici hanno delle responsabilità – come sostenuto da qualche consigliere comunale intervenuto in commissione – Dopo l’affacciarsi della pandemia a febbraio – ha detto ancora Mario Occhiuto – siamo stati tutti colti di sorpresa, ma chi doveva agire e prevenire gli effetti negativi della seconda ondata del contagio, non ha fatto assolutamente nulla”.

Occhiuto chiama in causa le responsabilità della lunga gestione commissariale. “Questi signori che per undici anni hanno gestito la sanità in Calabria – dice Occhiuto – non solo non avevano le giuste competenze, ma non sapevano neanche quello che dovevano fare. Non sapevano neanche che il Piano Covid per alcuni versi era stato già fatto da Roma e non lo hanno neanche attuato. Non sono stati realizzati i nuovi posti letto, non è stato assunto nuovo personale sanitario, né sul territorio sono statti realizzati i laboratori per processare i tamponi”.

Occhiuto ha poi messo in evidenza l’attivismo del Comune. “Ci siamo riuniti a febbraio e marzo ed ho avanzato ai commissari richieste ufficiali per realizzare i posti letto negli ospedali periferici e per assumere personale. Tra l’altro – ha proseguito Occhiuto – non sono state spese le somme per l’emergenza Covid che dovevano essere utilizzate per adeguare i reparti, acquistare le attrezzature e assumere il personale”.

“Noi – ha detto inoltre il Sindaco – abbiamo fatto tutto quello che potevamo ed anche di più. Per citare il Presidente dell’ordine dei medici Corcioni qui c’è bisogno di braccia e non solo di mura. Ecco perché ho lanciato l’iniziativa dell’Ospedale da campo che è un ospedale militare con tutti i crismi, con tutti i moduli, i laboratori, gli ambulatori, la Tac, la radiologia, e con personale sanitario adeguato che sarà disponibile anche per le vaccinazioni contro l’influenza. Abbiamo avuto dei commissari catapultati in Calabria e la cui unica competenza era l’inettitudine – ha concluso Occhiuto. Invece, all’ospedale di Reggio Calabria c’è una dirigente di Cosenza nominata commissario, Iole Fantozzi, che ha realizzato 125 posti per malattie infettive e altri 20 posti di terapia intensiva. Noi siamo a sostegno della categoria dei medici. Stanno facendo turni massacranti, lavorando senza sosta anche di notte. Se dell’Ospedale militare non ci sarà bisogno, benissimo, perché vorrà dire che l’emergenza è cessata. Ma noi dobbiamo valutare e prevenire ogni mossa del virus e prepararci anche a scenari diversi”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB