Intimidazione al comandante dei Carabinieri di Cetraro, spari contro la sua auto

Colpi sparati da ignoti vicino la caserma. Il gesto intimidatorio giunge a pochi giorni dagli arresti per l'inchiesta "Katarion" contro clan Muto. Indagini serrate per risalire agli attentatori


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

carabinieri in auto di notte

Colpi di arma da fuoco sono stati sparati ieri sera, a scopo chiaramente intimidatorio, contro l’auto del comandante della stazione carabinieri di Cetraro, maresciallo Orlando D’Ambrosio. La vettura del sottufficiale era parcheggiata davanti alla caserma negli spazi riservati alle auto dei militari dell’Arma.

I colpi, secondo quanto si è potuto apprendere, sarebbero stati esplosi da ignoti a bordo di un mezzo, non si sa se un’auto o una moto, che poi si è allontanato. Sul posto sono intervenuti i militari della Compagnia di Paola che hanno subito avviato le indagini. Sono stati istituiti posti di blocco e attuate anche delle perquisizioni. Non si esclude nessuna pista.

L’intimidazione giunge a pochi giorni dagli arresti per l’inchiesta “Katarion” condotta dai carabinieri con il coordinamento della Dda di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, che ha smantellato un’organizzazione di matrice ‘ndranghetista, legata al clan Muto, dedita allo spaccio di droga operante a Cetraro e nella fascia tirrenica Cosentina.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM