Svolta nell’agguato a Domenico Maio, arrestato Giuseppe Frazzica


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Sullo sfondo i militari sulla scena dell’agguato. Nel riaquadro Giuseppe Frazzica

I carabinieri della Compagnia di Taurianova, hanno arrestato in esecuzione di un provvedimento di fermo Giuseppe Frazzica, di 57 anni, con l’accusa di essere l’autore del tentato omicidio di Domenico Maio, parrucchiere di 44 anni, avvenuto lo scorso 7 settembre nella frazione San Martino. L’uomo era rimasto illeso.

Contro Maio sono stati sparati alcuni colpi di pistola mentre viaggiava in auto. LEGGI Giuseppe Frazzica è stato rintracciato al termine di una fuga durata 4 giorni. Le indagini avviate subito dopo il fatto hanno consentito di identificare il presunto autore del gesto in Frazzica che però, nel frattempo, ha fatto perdere le proprie tracce.

Ricerche e pedinamenti hanno avuto esito positivo ieri mattina, quando i carabinieri hanno notato dei movimenti anomali della moglie di Frazzica. Seguendola gli investigatori hanno poi bloccato l’uomo in località Cannavà, lungo la provinciale Gioia Tauro-Taurianova. Secondo quanto emerso dalle indagini, all’origine del gesto vi sarebbero stati dissidi di vicinato.

Il provvedimento è stato emesso dalla Procura della Repubblica di Palmi, nella persona del sostituto procuratore Rocco Cosentino. Frazzica, associato nel carcere di Palmi, dovrà rispondere dei reati di tentato omicidio, detenzione illegale di arma e porto in luogo pubblico, nonché accensioni ed esplosioni pericolose, tutti aggravati.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER