Gregge “sacro” in terreni di coop anti-ndrangheta, indagini


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Il fondatore della cooperativa “Briatico Welfare”, socia di Goel Bio, il marchio degli agricoltori biologici calabresi che si oppongono alla ‘ndrangheta, ha denunciato che 200 tra pecore e capre hanno invaso i campi della coop a San Costantino di Briatico.

Un fatto, è scritto in una nota, che “succede spesso: c’è un gregge che vaga indisturbato nella zona”. Ma il 25 agosto scorso, il fondatore della cooperativa è riuscito a filmare l’accaduto facendo intervenire le forze dell’ordine che hanno identificato il pastore che, è scritto nella nota, “sembrerebbe essere già noto alle forze dell’ordine”.

Negli ultimi tre anni, la coop, con cadenza quasi semestrale, subisce danneggiamenti e furti, tutti denunciati. Tra i più gravi: l’estirpazione, nel 2016, di oltre 50 quintali di cipolla rossa di Tropea biologica e il furto, quasi un mese fa, di una parte del raccolto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM