Latitanza Matacena, condannato a due anni l’ex ministro Scajola. Pena sospesa

L'ex ministro, secondo l'accusa, avrebbe favorito la latitanza dell'ex armatore reggino, tutt'ora all'estero. Assolti i collaboratori dell'ex parlamentare forzista


Claudio Scajola

Il tribunale di Reggio Calabria ha condannato l’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola a due anni di reclusione, pena sospesa, nell’ambito del processo Breakfast, riguardo la vicenda dell’ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena, già condannato per concorso esterno in associazione mafiosa e alla macchia in medio oriente. Il pm aveva chiesto 4 anni e mezzo.

Scajola, secondo l’accusa, avrebbe favorito la latitanza dell’ex armatore reggino, tutt’ora latitante a Dubai. I giudici hanno condannato anche ad un anno Chiara Rizzo, moglie di Matacena, anche per lei pena sospesa, che riceverà anche i beni che le erano stati sequestrati.

Assolti invece due ex collaboratori dell’ex parlamentare reggino. L’ex ministro ha dichiarato che rispetto alle accuse iniziali, “l’impianto si è sgonfiato”.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb