Giudici: “Illecito l’aiuto di Scajola a Matacena”

Depositate le motivazioni della sentenza di condanna dei magistrati del tribunale di Reggio Calabria

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
Claudio Scajola

“Dal punto di vista oggettivo la condotta di Scajola e della Rizzo è certamente strumentale a consentire a Matacena di protrarre la sottrazione all’esecuzione della pena che gli è stata inflitta a seguito di processo svoltosi con tutte le garanzie previste dall’ordinamento democratico per uno dei reati di massima offensività”.

Così i giudici del Tribunale di Reggio Calabria nelle motivazioni della sentenza con cui, il 24 gennaio scorso, hanno condannato a 2 anni l’ex ministro dell’Interno, ora sindaco di Imperia, Claudio Scajola e ad un anno Chiara Rizzo, per procurata inosservanza della pena dell’ex deputato di Fi Amedeo Matacena, latitante a Dubai dopo una condanna a 3 anni per concorso esterno in associazioni mafiosa.

Per i giudici è emerso “un interesse ad aiutare Matacena per ottenere asilo politico in Libano a seguito di una richiesta della moglie Chiara Rizzo”, e la condotta di Scajola “non si è esaurita in aiuto lecito al latitante”, per l’esistenza di “indubbi e consolidati” rapporti.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb