Sanità, l’Asp di Cosenza riapre il reparto di Ostetricia e Ginecologia di Corigliano-Rossano

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Dopo il clamore dei giorni scorsi, il direttore generale dell’Azienda sanitaria di Cosenza Antonio Graziano, rende nota l’immediata riapertura del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale spoke Corigliano-Rossano e dunque, la ripresa della piena funzionalità.

Il tempestivo intervento – spiega una nota dell’Asp – si è reso necessario al fine di evitare qualsiasi strumentalizzazione. E’ noto da tempo infatti che il management che guida questa Azienda, è impegnato – atteso le difficoltà ed i problemi ereditati dal passato -, a garantire il corretto funzionamento del complesso sistema Sanitario nella più estesa provincia della
Calabria.

Le iniziative prese, il dato è incontrovertibile, vanno tutte in un’unica direzione: garantire il diritto- sancito dalla costituzione- a cure di qualità agli utenti.

Straface: “Con la riapertura non ci sarà nessun esodo verso altri ospedali”

“Il reparto di Ginecologia dell’Ospedale Guido Compagna di Corigliano continuerà a lavorare e a garantire il servizio all’utenza. Dopo giorni complicati per gli assetti strutturali la situazione si è finalmente sbloccata con l’arrivo di sei nuovi professionisti sanitari che, di fatto, ha scongiurato l’interruzione dei ricoveri e del punto nascite del nosocomio ausonico”. E’ il commento di Pasqualina Straface, consigliere regionale azzurra e presidente della Terza Commissione sanità, Attività sociali, culturali e formative.

“Non ci sarà dunque nessun esodo da Corigliano-Rossano verso altri ospedali”, sottolinea Straface che prosegue: “Da quando è giunta la notizia della possibile sospensione del servizio di Ginecologia mi sono messa subito all’opera insieme ai vertici regionali e alla governance sanitaria per trovare ogni possibile soluzione, conscia del dramma sociale che quel tipo di annuncio aveva generato a buon diritto nella cittadinanza. E sono state tantissime le sollecitazioni da parte della gente, cui ho dato l’unica risposta che conosco: mettermi subito a lavoro per cercare di risolvere il problema. Dopo giorni fitti di colloqui, telefonate e incontri grazie all’energico intervento del Presidente della Regione Roberto Occhiuto e del Direttore Generale ASP Antonello Graziano siamo riusciti a scongiurare l’irreparabile e a garantire la continuità del servizio. Posso dunque tranquillizzare la cittadinanza di Corigliano-Rossano e di tutto il territorio: il reparto di Ginecologia non chiuderà e continuerà ad offrire il proprio servizio alla comunità”, conclude il consigliere Straface.