20 Luglio 2024

Studio del British Medical Journal: “Eccessiva mortalità coi vaccini anti-Covid”

La prestigiosa rivista scientifica pubblica una ricerca di ricercatori olandesi che mettono nero su bianco le prime stime sui morti in eccesso in Occidente a causa delle restrizioni adottate dai governi e dopo la somministrazione di massa dei sieri anti virus

Correlati

Dall’inizio dell’impiego dei vaccini anti-covid in poi (fine dicembre 2020) vi è stato un eccesso di mortalità straordinaria, così come in eccesso sono stati i decessi dallo scoppio della pandemia a inizio 2020 a causa delle restrizioni. “L’eccesso di mortalità è rimasto elevato nel mondo occidentale per tre anni consecutivi, nonostante l’attuazione delle misure di contenimento (lockdown, distanziamento e mascherine) e dei vaccini contro il Covid-19. Ciò solleva serie preoccupazioni”. Lo riporta uno studio del British Medical Journal, prestigiosa rivista medico scientifica a livello mondiale. Gli autori della pubblicazione: “I leader governativi e i politici devono indagare a fondo sulle cause alla base del persistente eccesso di mortalità”.

“L’eccesso di mortalità durante la pandemia di COVID-19 è stato notevole”, è l’incipit dello studio condotto da medici olandesi. “La conoscenza dei tassi di mortalità in eccesso negli anni successivi alla dichiarazione di pandemia dell’OMS è fondamentale affinché i leader governativi e i politici possano valutare le loro politiche di crisi sanitaria. Questo studio esplora l’eccesso di mortalità nel mondo occidentale dal 2020 al 2022”.

“I rapporti sulla mortalità per tutte le cause – spiegano i ricercatori – sono stati estratti per i paesi utilizzando il database “Our World in Data”. La mortalità in eccesso viene valutata come una deviazione tra il numero di decessi riportati in un paese durante una determinata settimana o mese dal 2020 al 2022 e il numero di decessi previsto in un paese per quel periodo in condizioni normali. Per la linea di base delle morti attese è stato utilizzato il modello di stima di Karlinsky e Kobak. Questo modello utilizza dati storici sulla mortalità in un paese dal 2015 al 2019 e tiene conto delle variazioni stagionali e delle tendenze annuali della mortalità”.

“Il numero totale di decessi in eccesso in 47 paesi del mondo occidentale è stato di 3.098.456 dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2022. L’eccesso di mortalità è stato documentato in 41 paesi (87%) nel 2020, 42 paesi (89%) nel 2021 e 43 paesi (91%) nel 2022. Nel 2020, anno dell’inizio della pandemia di COVID-19 e dell’attuazione delle misure di contenimento, i record presentano 1.033.122 decessi in eccesso (punteggio P 11,4%). Nel 2021, l’anno in cui sono state utilizzate sia le misure di contenimento che i vaccini COVID-19 per affrontare la diffusione del virus e l’infezione, è stato segnalato il numero più alto di decessi in eccesso: 1.256.942 decessi in eccesso (punteggio P 13,8%). Nel 2022, quando la maggior parte delle misure di contenimento sono state revocate e i vaccini COVID-19 sono stati continuati, i dati preliminari presentano 808.392 decessi in eccesso (punteggio P 8,8%)”.

“L’eccesso di mortalità è rimasto elevato nel mondo occidentale per tre anni consecutivi, nonostante l’implementazione delle misure di contenimento e dei vaccini contro il COVID-19. Ciò solleva serie preoccupazioni. I leader governativi e i politici devono indagare a fondo sulle cause alla base del persistente eccesso di mortalità”, conclude l’estratto dello studio olandese pubblicato dal BMJ.

Aggiornamento: dopo la pubblicazione della ricerca sul British Medical Journal c’è stata una vasta eco nell’opinione pubblica e reazioni stizzite di parte della comunità scientifica che ha lamentato “inesattezze e falsità” nello studio al punto da costringere la rivista a pubblicare una rettifica in cui viene riferito di “false dichiarazioni e incomprensioni del lavoro”.
Interpretazioni errate? Più pressioni che interpretazioni. Per scoprire l’attendibilità dello studio bisognerebbe chiederlo ai familiari delle vittime dei vaccini killer che ogni giorno perdono i propri cari, anche in giovanissima età, per malori improvvisi. A migliaia, a decine di migliaia. 
Oltre a questa parte di comunità scientifica, come sempre, si sono mossi all’unisono i fact-checkers finanziati da Big Pharma e dalle èlite pronti a smentire e “sbufalare” tutto ciò che è vero ma non “allineato” ai desiderata dei loro datori di lavoro. 


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ue, Fusaro: “Non cambia niente, stessi camerieri al servizio delle èlite ‘uccidentali'”

di Diego Fusaro "Il nuovo Parlamento Europeo, formatosi dopo le recenti elezioni, parte male, anzi malissimo: ha approvato la possibilità...

DALLA CALABRIA

Trentottenne trovato in possesso di oltre 8 kg di droga, in cella

Durante una perquisizione è stato trovato in possesso di oltre 8 chilogrammi di droga pronta per essere smerciata nelle...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)