24 Luglio 2024

Bus precipita da cavalcavia tra Mestre e Venezia, almeno 20 morti e diversi feriti

Disastro della strada sulla sopraelevata che da Mestre conduce a Marghera e Venezia. Un pullman elettrico è sbandato per poi sfondare il parapetto e precipitare giù per diversi metri. Una strage. Oltre venti le vittime. Coinvolti molti turisti. Diversi feriti tra cui alcuni gravissimi. Si ipotizza un malore del conducente

Correlati

E’ di almeno 20 morti e un numero imprecisato di feriti il bilancio di un drammatico incidente avvenuto a Mestre, alle porte di Venezia. Un pullman carico di persone è precipitato, per cause da chiarire, dal cavalcavia Vempa. La strage stradale è avvenuta intorno alle 19.45. Il pullman nell’impatto ha preso fuoco. Non è ancora chiaro se fosse un autobus di pendolari, quindi di linea, o un mezzo privato con turisti a bordo.

Si teme che il bilancio possa essere molto più pesante. Dalle prime informazioni si conterebbero alcuni turisti stranieri tra vittime e feriti. Sono circa una ventina i feriti, di cui alcuni molto gravi. Secondo quanto si è appreso vi sarebbero bambini o minori coinvolti. Sono in corso le operazioni di soccorso. Dispiegate decine di ambulanze che hanno fatto la spola con gli ospedali dell’area.

Le prime immagini del disastro

L’autobus viaggiava nell’ora di punta, poco prima delle ore 20, sul cavalcavia che da Mestre porta verso Marghera e l’autostrada A4. Il mezzo sarebbe sbandato, ha sfondato il parapetto ed è precipitato giù per circa una decina di metri, finendo tra un magazzino e i binari della stazione di Mestre.

L’impatto è stato violentissimo, tanto che il prefetto di Venezia Michele Di Bari ha spiegato che il mezzo è rimasto “schiacciato” e che per questa ragione i Vigili del fuoco fanno molta fatica a recuperare altre persone, tra eventuali altre vittime e feriti. L’autobus dalle immagini è capovolto, con le ruote sopra, quindi è rimasto schiacciato dalla parte superiore.

Secondo quanto emerge dai primi rilievi sulla bretella, nel punto in cui il bus ha sfondato il guardrail, non ci sarebbero segni di frenata sull’asfalto. A questo punto si ipotizza un malore improvviso del conducente, un quarantenne, Alberto Rizzotto, del trevigiano, il cui corpo senza vita è stato rinvenuto tra i rottami del mezzo.

Le salme dei passeggeri sono state allineate non lontano dal luogo dello schianto. Il vescovo del capoluogo veneto ha proceduto alla benedizione delle salme, poi via via portate negli obitori.

“Il bus era nuovo del 2022 ed era totalmente elettrico”, ha fatto sapere da Vespa il presidente del Veneto Luca Zaia. Come si spiega dunque il rogo? Le batterie elettriche? Lo chiariranno i magistrati della Procura di Venezia che hanno aperto un’inchiesta per accertare la dinamica ed eventuali responsabilità.

“Un’immane tragedia ha colpito questa sera la nostra comunità. Ho disposto da subito il lutto cittadino, in memoria delle numerose vittime che erano nell’autobus caduto. Una scena apocalittica, non ci sono parole”, scrive su Facebook il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro.

Secondo il primo cittadino, “almeno 20 morti” ma il numero delle vittime sarebbe destinato a salire. “Abbiamo contato già 20 morti ma sarà un numero destinato a salire”, dice Brugnaro in un collegamento con un programma televisivo. “Il pullman andava da Venezia a Marghera, era carico di gente che tornava a casa dal lavoro. E’ volato giù, non sappiamo cosa sia successo”, spiega il primo cittadino.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Altro massacro a Gaza, Israele bombarda e ammazza altre 70 persone

Nuovo violento bombardamento da parte dell'esercito israeliano nelle zone orientali di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza....

DALLA CALABRIA

Aggrediscono e rapinano un 27enne. Arrestati due venezuelani

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di reato emesso dalla...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)