Omicidio Tersigni, arrestato il presunto autore

Si tratta di Paolo Cusato, di 30 anni. L'uomo è stato immortalato dalle telecamere mentre gettava una busta con la pistola. E' caccia al complice

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Paolo Cusato

È stato arrestato uno dei presunti responsabili dell’omicidio di Giovanni Tersigni, l’uomo freddato a colpi di pistola, sabato scorso, in pieno centro storico, a Crotone. La Polizia di Stato ha arrestato Paolo Cusato, di 30 anni, di Crotone, con precedenti per associazione di stampo mafioso, stupefacenti e armi.

Cusato è stato individuato come uno dei “due” presunti autori dell’omicidio di Tersigni. A incastrare il trentunenne sarebbero state alcune immagini che hanno immortalato il trentunenne mentre fuggiva a piedi mentre si disfava di una busta all’interno della quale sono state rinvenute una pistola 7,65 con matricola abrasa e colpo in canna, utilizzata – secondo la Polizia – per uccidere Tersigni; un berretto, una polo blu e un paio di guanti in lattice.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Inoltre, nel corso della perquisizione effettuata a casa di Cusato sono stati ritrovati degli indumenti corrispondenti a quelli indossati dall’uomo al momento dell’assassinio. Il movente non è ancora del tutto chiaro. Potrebbe essere riconducibile alla spaccio di droga.

Seguendo questa pista, gli agenti hanno effettuato una perquisizione a casa di un bulgaro, Dimitrov Todorov Dimitar, 22enne con precedenti. Il giovane è stato trovato in possesso di oltre un chilo di eroina, quindi arrestato per detenzione di stupefacenti, ma estraneo al delitto.

Proseguono le indagini della Polizia per risalire al complice e ad altre persone che potrebbero avere avuto un ruolo prima durante e dopo l’omicidio.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM